17 ottobre 2018 - Ultimo aggiornamento alle 20.26
caronte manchette
caronte manchette
Palermo

L'allarme della Fillea Cgil

Disastro incompiute a Palermo: il dossier dei cantieri infiniti

11 ottobre 2018

Incompiute e cantieri infiniti. Il sindacato degli edili di Palermo, la Fillea Cgil, ieri ha lanciato l’allarme sul numero impressionante di appalti fermi in stand-by o bloccati dalla burocrazia.

«Tra i casi emblematici di ritardi, l’Anello ferroviario: in costruzione da 3 anni, il lavoro è ancora in fase iniziale. O la realizzazione della rete fognaria in via Messina Marine. Dopo due anni dall’indizione della gara l’opera,  tra le più significative del piano annuale, è ancora in fase istruttoria».

Cefalù-Castelbuono - IL TRACCIATO
Cefalù-Castelbuono – IL TRACCIATO © D. G.

Scandaloso” per la Fillea anche l’andamento dei lavori del raddoppio ferroviario Cefalù Ogliastrillo-Castelbuono, aggiudicato nel 2012 al contraente generale Toto Costruzioni: «l’azienda, dopo 6 anni,  deve predisporre ancora la cantierizzazione», denuncia Francesco Piastra, riconfermato ieri all’unanimità segretario generale degli edili di Palermo .

E ancora, il passante ferroviario. L’appalto di quasi un miliardo di euro «rischia di non essere ultimato a causa dei contenziosi tra la stazione appaltante Rfi e la Sis:  alcuni tratti previsti dal contratto non verranno definiti. Perché lo Stato accetta, dopo aver speso quasi un miliardo di euro, che Sis consegni i lavori parzialmente?  – ha chiesto Piastra – Non è accettabile. Consegneremo il dossier del licenziamento di tutti i 224 lavoratori avviato dalla Sis all’assessore Falcone. Non ci accodiamo alle dichiarazioni di Rfi e della stessa Regione, che affermano che i lavori sono stati sostanzialmente completati. Non è così, il raddoppio ferroviario non è completo».

Francesco Piastra alla guida della Fillea Cgil Palermo
Francesco Piastra, Fillea Cgil Palermo

Non “tollerabile” per la Fillea nemmeno il ritardo accumulato per  ammodernare la Palermo-Agrigento. Sono trascorsi 17 anni e il primo lotto dell’opera non è stato terminato – evidenzia Piastra –  L’Anas aveva iniziato la progettazione nel lontano 2001. Gli altri due lotti previsti non sono stati nemmeno appaltati”.

Insomma, un settore, quello degli appalti nel Palermitano, compromesso. «Un  settore ridotto ai minimi termini – ha aggiunto Piastra – in una provincia che avrebbe bisogno di infrastrutture. E drammatico è il calo degli investimenti pubblici a Palermo. Il Comune non riesce a cantierare le opere previste nel piano annuale del 2017, per circa 89 milioni di euro. A luglio è stato stimato che solo il 15% dell’importo è stato impiegato per l’avvio delle procedure di appalto o per l’apertura dei cantieri. Dai bandi alle aggiudicazioni passano anni. Non possiamo accontentarci delle risposte date dall’amministrazione, sulla carenza di dirigenti tecnici.  O che la responsabilità è dell’Urega. Occorre una collaborazione degli enti. La città metropolitana potrebbe, in una logica di collaborazione col Comune, mettere a rete le proprie competenze tecniche, che sono spesso sottoutilizzate».

«Un dato inequivocabile è la perdita di 10 mila posti di lavoro nell’ultimo decennio ha dichiarato il segretario al congresso –  E purtroppo la tendenza negativa continua anche nell’ultimo anno edile. Sono in calo tutti gli indicatori: massa salari, ore di lavoro, numero di imprese, addetti». 

Nell’anno edile in corso (ottobre 2017-luglio 2018)  la situazione risulta drammatica: si passa da 2.020 imprese attive a 1.821 (-9,25 per cento), da 9.277 a 8.882 addetti (-12,88 per cento), la massa salari sconta una perdita di oltre 12 milioni di euro (da oltre 68 milioni a 56 milioni). Il calo è più consistente nei lavori pubblici (7 milioni)  rispetto ai lavori privati (4 milioni).

 

 

LEGGI ANCHE:

Caos cantieri a Palermo: Procura apre inchiesta per i ritardi

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Il Dirottamento dell’Autobus

Chi ricorda i tempi dei “Gufi” rammenterà il brano sul dirottamento del 18 e non DC8 come frequentemente accadeva di quei tempi. Analoga esperienza ho fatto io oggi ma non sul 18 ma sul 102 perché da noi gli autobus iniziano con il 100.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.