Disastro incompiute in Sicilia: cantieri bloccati e miliardi non spesi | L'ELENCO :ilSicilia.it

LA REGIONE HA BACCHETTATO L'ANAS NEI GIORNI SCORSI

Disastro incompiute in Sicilia: cantieri bloccati e miliardi non spesi | L’ELENCO

di
9 Giugno 2020

Sembra non terminare mai la querelle sulle “incompiute” siciliane. Strade, appalti e infrastrutture attese da anni, che lasciano l’Isola impantanata tra burocrazia e inefficienze di vario tipo.

Tra tutte le opere pubbliche attese dai siciliani, spicca sicuramente il Viadotto Himera: appena 270 metri di ponte atteso ormai da 5 anni. Il simbolo della vergogna in Sicilia e dell’Italia a due velocità, dato che a Genova è stato completato il nuovo Ponte Morandi grazie a delle norme speciali. Adesso la data ultima per il completamento del viadotto lungo la A19 Palermo-Catania, sembrerebbe essere il 31 luglio 2020.

L’assessore alle Infrastrutture Marco Falcone, insieme al presidente Nello Musumeci, hanno bacchettato duramente l’Anas per i ritardi. Tanto da fare annunciare una causa all’Anas e chiedere al Governo nazionale la nomina di “Commissari straordinari per la realizzazione di interventi prioritari sulla rete stradale, autostradale e ferroviaria siciliana”.

Viadotto Himera
il Viadotto Himera

Ecco, a mo’ di esempio, gli interventi per cui la Regione ha bacchettato l’Anas (“Gravi responsabilità di inadempienza da parte di ANAS S.p.A” – si legge nel documento della delibera di Giunta n. 210 del 28 maggio 2020):

  • Strada Statale 121 – Palermo-Agrigento (tratto Bolognetta–Lercara Friddi), dalla rotatoria Bolognetta allo svincolo Manganaro – Costo intervento € 349.511.473,00;
  • Strada Statale 626 e 115 – Lotti 7 e 8 – Completamento della tangenziale di Gela – Costo intervento € 313.000.000,00
  • Strada Statale 115 – variante Vittoria–Comiso – Costo intervento € 149.000.000,00;
  • Strada Statale 640 “Strada degli Scrittori” – Lavori di ammodernamento ed adeguamento del 2° tratto dal Km 44+000 allo svincolo con la A 19 – Costo intervento € 990.000.000,00;
  • Ammodernamento del tratto Adrano–Catania – 1° lotto Adrano Paternò – Costo intervento € 185.000.000,00;
  • Collegamento autostradale Ragusa–Catania: Ammodernamento a n.4 corsie della Strada Statale 514 “ di Chiaramonte” e della Strada Statale 194 “Ragusana” dallo svincolo con la Strada Statale 115 allo svincolo Strada Statale 514 – Costo intervento € 815.374.595,00;
  • Trapani–Mazara del Vallo Variante alla SS115 – 1° stralcio funzionale Marsala Sud – Mazara del Vallo – Costo intervento € 134.000.000,00;
  • Strada a scorrimento veloce Licodia Eubea–Libertinia – Tronco svincolo Regalsemi – innesto SS 117 bis: 2° stralcio funzionale -Completamento tratto B: dalla fine della variante di Caltagirone (Km 12+470) ad innesto SS 117 bis (Km 20+220) – Costo intervento € 230.000.000,00;
  • Variante di Nicosia B5 e completamento lavoro di ammodernamento e sistemazione tratto compreso tra Km 38,7 e 42,6 (svincolo SS 120 e svincolo Nicosia Nord – ex intercantieri) – Costo intervento € 120.130.528,92;

A queste opere, si aggiungono poi quelle della delibera Cipe n. 60 del 2012, per cui la Sicilia è stata multata dall’UE per le procedure di infrazione, per la mancata realizzazione di fognature e depuratori.

Ma anche per le Ferrovie non mancano i ritardi: li ha denunciati nei giorni scorsi il Comitato Pendolari Siciliani.

Inoltre, secondo quanto riporta oggi il Giornale di Sicilia sulle incompiute siciliane, «a scorrere l’elenco fornito dalla Uil, sono appena 34 le opere completate oltre il 50%. Poco più di una su cinque».

Nonostante questo, secondo l’Ance nel 2020 in Sicilia saranno bandite gare per 630 milioni, come ad esempio la metropolitana di Catania, da piazza Stesicoro fino all’aeroporto.

 

 

 

LEGGI ANCHE:

Falcone, la provocazione all’Anas: “Se entro luglio riapre il Viadotto Himera mi dimetto”

Lo scandalo della depurazione, Ance Sicilia: “Miliardi nei cassetti, cantieri fermi e mari inquinati”

Infrastrutture, Ance: “Nel 2020 in Sicilia gare per 630 milioni”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.