Discarica di Collesano, il sindaco si scaglia contro Faraone: "Quando era al governo per noi non ha fatto nulla" :ilSicilia.it

Lo sfogo su facebook

Discarica di Collesano, il sindaco si scaglia contro Faraone: “Quando era al governo per noi non ha fatto nulla”

di
11 Maggio 2019

Il paladino di Crocetta era anche qualche anno fa Sottosegretario alla salute. É grazie a questi politici e al suo partito Faraonico e inconsistente..se la Sicilia sconta ritardi enormi rispetto alla gestione del ciclo dei rifiuti e della raccolta differenziata”, il durissimo attacco del sindaco di Collesano, Giovanni Battista Meli all’indirizzo di Davide Faraone, segretario regionale del Partito Democratico.

Lui e i suoi amici alla Regione Sicilia, disponevano delle risorse Europee per costruire gli impianti necessari e bonificare le discariche, ma non hanno mai speso un solo euro. Alla bonifica il Comune di Collesano ha dovuto provvedere in emergenza e con le esigue risorse locali disponibili, tutto ovviamente riscontrabile negli atti amministrativi comunali” scrive in un post Facebook il sindaco.

giovanni battista meliAl suo Assessorato abbiamo presentato il progetto, non prima peró di aver pagato debiti del passato. Gli stessi sono stati a noi Comune attribuiti, in riferimento alla gestione di quella discarica avvenuta tantissimi anni fa da parte di altri amministratori di SINISTRA…quando io ero un bambino.  Serviva farlo dicevano, bisognava prima pagare, soltanto dopo avrebbero provveduto a dare maggiore attenzione al nostro sito e al nostro progetto. Non é mai accaduto ciò che hanno promesso nonostante io abbia saldato tutto” aggiunge Meli.

Al controllo di quella discarica che lui cita scandalizzato, mostrandosi oggi finalmente sensibile soltanto per propaganda elettorale, ho dovuto far fronte io con le risorse comunali disponibili. Aggiungo.. l’impianto di compostaggio l’ho dovuto creare io, oggi ancora attivo e funzionante, realizzato all’interno di un capannone comunale e un bene confiscato alla mafia. Lo stesso oggi salva tanti altri comuni che non avrebbero dove conferire l’umido, proprio a causa della totale inerzia dei Governi del Faraone” si legge ancora nel post.

Dovrebbe impallidire ed essere un po’ più prudente il soggetto politico. Abbia un po’ di contegno e racconti la verità ai cittadini. Lui ha ancora il coraggio di cercare consenso elettorale. Prima ha tentato di fare questa operazione di propaganda politica recandosi nei centri trasfusionali siciliani, facendosi riprendere mentre donava il suo sangue benedetto a noi sudditi isolani, adesso ci prova tra le discariche, le stesse di cui si sarebbe dovuto occupare quando era seriamente impegnato a Roma per occuparsi di noi tutti” prosegue Meli.

Ha cominciato dal Comune e dall’uomo sbagliato. Onorevole, le ricordo che a Collesano abbiamo tantissime aziende in biologico e certificate, note ed apprezzate in tutta la Sicilia. I nostri animali pascolano in terreni incontaminati..lo tenga bene a mente quando si esibisce nei teatrini di campagna elettorale” ha concluso il sindaco di Collesano.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin