Dispersione, il fallimento del "modello Palermo" o la vittoria del Principe di Salina | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

fenomeno ancora molto forte nell'Isola

Dispersione, il fallimento del “modello Palermo” o la vittoria del Principe di Salina

14 Maggio 2017

*Un caso di governance alla rovescia

I sistemi di valutazione sono tutti concordi nell’assegnare all’Italia la maglia nera in Europa quanto a dispersione scolastica e alla Sicilia il peggiore risultato regionale; Palermo ha poi i peggiori numeri tra le varie province. I “neet”, giovani che né studiano né lavorano (con le ovvie conseguenze del caso) rappresentano la fase successiva della dispersione scolastica, segni entrambi di una diaspora da ogni responsabilità sociale per una percentuale di cittadini, che a Palermo e in Sicilia si avvicina alla metà della popolazione giovanile.

Per paradosso a Palermo, da più di trent’anni, c’é un gruppo significativo di docenti con vaghe connotazioni psicopedagogiche, distaccati da scuola per lavorare sulla prevenzione e sulla lotta alla dispersione scolastica. Un fallimento di cui, pervicacemente, la classe dirigente non ha mai voluto prendere atto, tanto da arrivare al punto che spesso i ministri dell’Istruzione quando vengono in Sicilia sono ricevuti non dai dirigenti degli Uffici del MIUR, ma dal coordinatore di questo gruppo, tanto osannato dai più quanto inutile, se non dannoso, per la tragica evidenza dei numeri.

Sul fenomeno in generale, non tutto da attribuire alle responsabilità della Scuola, ma anche alle altre agenzie educative, famiglia in primis, quali le reazioni?

In un paese normale, per una elementare legge di governance dei sistemi pubblici, i protagonisti , che rappresentano i vari soggetti con responsabilità convergenti sulla dispersione, prima scolastica e poi sociale, si sarebbero riuniti e, in corrispondenza della lettura periodica dei dati rilevati dalle agenzie italiane e internazionali, avrebbero modificato il modello di lavoro, le professionalità in campo e, infine, sostituito i personaggi incapaci di dare sostanza e risultati all’impegno e alle risorse profuse.

Questo, appunto, in un paese normale. Da noi, invece, il progetto è rimasto lo stesso, il coordinatore e gli insegnanti comandati sulla dispersione pure, invecchiati di oltre trent’anni, inefficaci all’inizio e sempre più, man mano che il tempo passava. Intanto, però, un incarico, che doveva essere temporaneo è diventato sempre più stabile, una posizione da difendere, che, nel tempo, si è costruita relazioni e appoggi con la classe politica e dirigente, con i giudici dei minori, con i sindacati, tanto da integrare una categoria a parte di professionisti, rispettati perché consapevoli, più di ogni altro, di ogni risvolto di quel fenomeno che non hanno potuto, saputo (o voluto ?) combattere.

Una delle tante aree di privilegio di un paese sempre più alla deriva. In questo caso, del privilegio di essere “più insegnanti degli altri”, di non doversi stressare nel faticoso impegno frontale con alunni sempre più problematici e con rigidi orari di cattedra e, per ulteriore paradosso, di quello di essere chiamati di frequente, per competenza, a presentare e a sviscerare il fenomeno della dispersione in una miriade di seminari, convegni, incontri.

Inutile sperare che questa esperienza fallimentare venga finalmente conclusa. Tanti i difensori: i sindacati  perché il progetto fa organico aggiuntivo, ovviamente inutile e dannoso, ma conveniente per aumentare surrettiziamente posti e cattedre; i neuropsichiatri delle ASP, i giudici dei minori, i servizi sociali e via dicendo per simpatie interpersonali, consolidate da tante esperienze in comune. E la dispersione ? E i ragazzi che si perdono ?

Il teorema dell’abbandono della nostra terra da parte dei nostri giovani migliori, a fronte di quelli in difficoltà, che non hanno dove andare e appesantiscono il disastro, trova ancora una volta amara conferma.

Ovviamente, inutile sperare in una classe politica, inadeguata, e preoccupata soltanto di mantenere privilegi e rendite di posizione sempre più in pericolo. Un inquilino di uno dei palazzi in predicato di diminuire le proprie poltrone, richiesto di un parere sulla questione, ha risposto più o meno così “Ci sono tanti problemi, non ci si può occupare di tutto, dobbiamo prima vedere se riusciremo a restare noi”.

Fa rabbia, ma mettere al primo posto la sopravvivenza della “poltrona” sulla base di una pretesa, preconcetta e infondata superiorità, richiama una volta di troppo la rassegnazione del Principe di Salina: “Noi siamo dei”, e, si sa, gli Dei, nella loro perversa perfezione, non cambiano mai.

 

* Rosario Gianni Leone è stato dirigente MIUR con vari incarichi fino al 2013

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.