Dissesto Catania: i sindacati annunciano lo sciopero generale | Gallery :ilSicilia.it
Catania

L'iniziativa di Cgil, Cisl, Uil e Ugl provinciali

Dissesto Catania: i sindacati annunciano lo sciopero generale | Gallery

10 Dicembre 2018

Rimane alta la tensione tra il personale del Comune di Catania, anche dopo lo stanziamento da parte dell’Ars degli 8 milioni di euro per pagare gli stipendi e le spese correnti. Stamani Cgil, Cisl, Uil e Ugl provinciali, riunitisi in assemblea in via dei Crociferi, hanno deciso di iniziare il 2019 con uno sciopero generale. Vogliono sapere dal governo nazionale se e come intende sostenere la richiesta di fondi fatta dalla giunta Pogliese. A quest’ultima, invece, chiedono di conoscere in che modo pensa di affrontare il Piano di risanamento e recuperare l’evasione fiscale.

Richieste precise rispetto alle quali si attendono risposte altrettanto circostanziate. La situazione, infatti, è drammatica. Le passività ammontano a 1.6 miliardi di euro. Un’esposizione esorbitante che mette a rischio fallimento l’ente locale, con conseguenze nefaste per i cittadini e soprattutto per i dipendenti. I primi, infatti, sarebbero costretti a vivere in una città con i servizi pubblici ridotti ai minimi termini. Ai secondi, in aggiunta, verrebbe meno anche la garanzia dello stipendio.

“Lo sciopero generale non è considerato un obiettivo finale ma di partenza per una seconda fase più dura e consapevole di una lotta sindacale e sociale – dichiarano i quattro segretari generali Giacomo Rota, Maurizio Attanasio, Enza Meli e Giovanni Musumeci Ci sono molte domande che attendono risposta: al netto dei contributi cosa accadrà da gennaio in poi? Quanto i catanesi sono veramente consapevoli delle conseguenze che si consumeranno sulla propria pelle? Il rischio rimozione potrà solo peggiorare l’impatto finale”.

Da qui un appello alla corresponsabilità“Ecco perché rimanere uniti, insieme ai lavoratori e ai cittadini tutti, è l’unica possibilità per fare il bene di Catania”, concludono.

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.