Dissesto finanziario Catania, ex sindaco Bianco: "Interdizione non definitiva" :ilSicilia.it
Catania

la nota

Dissesto finanziario Catania, ex sindaco Bianco: “Interdizione non definitiva”

di
2 Aprile 2022

“Continueremo a lavorare affinché nei prossimi gradi di giudizio l’eliminazione dell’interdizione sia definitiva. Ancora non è tale (come invece riportato da alcuni organi di stampa). C’è comunque stato un ulteriore passo importante: la sentenza di ieri si pone come parentesi su questioni tecnico-processuali e non entra nel merito delle accuse“.

Così l’ex sindaco di Catania, Enzo Bianco, torna con una nota sulla sentenza della Corte dei conti, a sezioni riunite, da lui resa nota ieri, sull’interdizione dai pubblici uffici per dieci anni ai quali era stato condannato in primo grado, insieme ad un risarcimento, nell’ambito delle indagini erariali sul dissesto finanziario del comune etneo. I giudici, intervenendo su richiesta della Procura generale, hanno ribadito che, nel caso trattato, è possibile decidere anche sull’interdizione dai pubblici uffici.

“Non ci fermiamo – aggiunge Bianco – il processo di appello continua e in esso ci batteremo con determinazione per dimostrare l’insussistenza dei presupposti per l’applicazione della sanzione interdittiva e, soprattutto, confermare la piena correttezza dei nostri comportamenti”.

La sezioni riunite della Corte dei conti si sono espresse sulla richiesta del Procuratore generale se “con il rito sanzionatorio previsto dagli art. 133 e seguenti” possa valutarsi “solo l’applicazione delle sanzioni pecuniarie previste” o possa anche “accertarsi la prevista connessa natura interdittiva”.

Sanzione interdittiva di dieci anni che, nel caso in questione, era stata decisa dal giudice monocratico e poi esclusa, in parziale modifica della sentenza di primo grado, dalla sezione territoriale in composizione collegiale.

Le Sezioni riunite della Corte dei conti hanno ritenuto di “aderire all’opzione prospettata nell’atto di deferimento” della Procura generale ritenuta “sostenuta dalla giurisprudenza maggiormente possibilista, in quanto più coerente logicamente col quadro ordinamentale processuale e, soprattutto, più ossequiosa dei principi di concentrazione delle tutele, giusto e ragionevole processo”. E hanno enunciato il principio secondo cui “con il rito sanzionatorio può valutarsi l’applicazione delle sanzioni pecuniarie” e anche i “presupposti di fatto che determinano le connesse misure interdittive”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro