Dissesto idro-geologico: le conseguenze dal passato si riflettono nel presente :ilSicilia.it

Dissesto idro-geologico: le conseguenze dal passato si riflettono nel presente

di
27 Giugno 2020

Nel corso della prima metà dell’ottocento si conferma il trend di crescita demografica nell’Isola, i siciliani passano dal 1.500.000 circa dell’inizio del secolo agli oltre 2.300.000 rilevati al censimento del 1861.

Questo aumento di popolazione induce e moltiplica la crescita abnorme del consumo del carbone da legna utilizzato per la cucina e per il riscaldamento. Per procurarsi il prezioso combustibile, soprattutto i contadini moltiplicarono lo sfruttamento delle risorse disponibili. Questo comportò come conseguenza il taglio sistematico e indiscriminato di alberi apportando un gravissimo pregiudizio al  patrimonio boschivo isolano.

Furono, infatti, tagliati querce, ulivi e, perfino, alberi da frutta una vera e propria devastazione col risultato pratico di rendere il suolo, già di per sé instabile, ancor più vulnerabile. A questa devastazione si aggiunsero i numerosi incendi, in gran parte di natura dolosa per consentire di allargare le aree destinate a pascolo, attività in quegli anni, sicuramente più redditizia.

Un vero e proprio disastro ambientale le cui conseguenze sarebbero state scontate nei decenni a venire. Di fronte a questo disastro il governo non stette con le mani in mano. Soprattutto per iniziativa del ministro, marchese Carlo Afan de Rivera, noto anche per avere avviato  – ma non completata – una inchiesta speciale sulle condizioni della Sicilia, il governo borbonico provvide ad adottare infatti una severa legislazione per la difesa del suolo che, tuttavia, non ebbe gli effetti sperati.

Le devastazioni, infatti, non solo continuarono ma, addirittura, si incrementarono e questo perché i membri del corpo di vigilanza, appositamente creato dal governo, si lasciavano facilmente corrompere e non assolvevano i compiti loro assegnati.

Erano soprattutto i gabellotti – che con i campieri si possono considerare espressione di proto-mafia –  che, incuranti del mandato diretto a tutelare e garantire le terre ad essi affidate dal signore, avevano trovato e praticavano un nuovo modo di arricchimento. Erano soprattutto loro che, infatti, procedevano a sradicare gli alberi per barattarli in un contrabbando a cui nessuno riuscì a mettere riparo e che, come era conseguenza naturale, ebbe l’effetto di impoverire le campagne dell’isola, desertificare il territorio e di favorire il dissesto idro-geologico di cui l’Isola ieri, come oggi, soffre drammaticamente le conseguenze.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin