Dissesto idrogeologico: "La Sicilia ha pagato il prezzo più alto, pessima gestione del territorio" :ilSicilia.it

Lo dice il ministro dell'Ambiente Sergio Costa

Dissesto idrogeologico: “La Sicilia ha pagato il prezzo più alto, pessima gestione del territorio”

di
5 Novembre 2018

“Deve cambiare radicalmente il paradigma di gestione del suolo, delle risorse naturali e delle città. Bisogna combattere il dissesto strutturalmente, non solo nelle emergenze. Per questo stiamo anche stanziando fondi che sono subito disponibili. E occorre una riflessione in più sul fatto che quando si discute di cambiamenti climatici non è qualcosa di lontano, ma qualcosa su cui dobbiamo impegnarci di più perché ci riguarda da vicino: gestione del territorio e cambiamenti climatici, sono un mix profondamente pericoloso”. Cosi’ il ministro dell’Ambiente e della Tutela del territorio, Sergio Costa, in un’intervista al Giornale di Sicilia.

Sergio Costa
Sergio Costa

Quanto avvenuto nell’Isola è una tragedia enorme, indescrivibile – sottolinea -. Sono vicino, nel profondo, alle famiglie coinvolte alle quali va il cordoglio di tutto il Governo. Purtroppo quanto sta accadendo in tutta Italia, a partire dalla Sicilia, che ha pagato il prezzo più alto, è la conseguenza di una pessima gestione del territorio perpetuata negli anni. E l’Italia sta subendo già le conseguenze della tropicalizzazione del clima con precipitazioni violente alternate a periodi di siccità. Come Governo – aggiunge – stiamo lavorando seguendo due direttrici: quella emergenziale, affidata alla Protezione civile, per sollevare i cittadini ed i comuni colpiti, per dare risposte immediate, per offrire soluzioni veloci alla tragedia; e quella strutturale”

“Il mio Ministero – annuncia il ministro Costa – ha a disposizione fondi contro il dissesto che abbiamo scelto di stanziare in base a programmazioni triennali: 900 milioni a triennio per un totale di circa 6 miliardi di euro in tutto. Uno stanziamento che andrà a finanziare quegli interventi di messa in sicurezza del territorio che costituiscono la prima e più importante opera pubblica di cui l’Italia ha bisogno”.

“I governatori delle regioni – spiega il Ministro – sono commissari straordinari per il dissesto ed il Ministero ha avviato con loro delle interlocuzioni già prima dell’estate per progettare i piani triennali. Chiaramente – prosegue Costa – nel caso della Sicilia bisogna considerare che si tratta di una regione a statuto speciale ma non per questo ci tireremo indietro ed il presidente Musumeci, che ho incontrato proprio qualche settimana fa, sa che il Ministero è al suo fianco“.

“Nel prossimo Consiglio dei Ministri – conclude – si adotteranno, come annunciato proprio ieri dal Premier, misure ad hoc per i territori colpiti dalla tragedia. Nello stesso tempo e’ partito il grande piano contro il dissesto del Ministero dell’Ambiente”. 

 

sms solidale
© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin