"Distretto del cibo dei Nebrodi - Valdemone": presentata l'istanza al dipartimento regionale dell’Agricoltura :ilSicilia.it

A comunicarlo Francesco Calanna e Giusi Maniaci

“Distretto del cibo dei Nebrodi – Valdemone”: presentata l’istanza al dipartimento regionale dell’Agricoltura

di
22 Luglio 2019

Il presidente Francesco Calanna e la direttrice Giusi Maniaci – del Biodistretto dei Nebrodi, fanno saper di avere inoltrato un comunicato al Dipartimento Regionale dell’Agricoltura, si tratta dell’istanza per il riconoscimento del Distretto del cibo dei Nebrodi – Valdemone.

Si tratta del primo distretto del cibo formalizzato in Sicilia che certamente costituisce la proposta avanzata e qualitativamente rappresentativa di un terzo del sistema agricolo siciliano. 177 imprese agricole ed agroalimentari, decine e decine di aziende altre operanti nel settore della trasformazione e dell’accoglienza, svariate firme associative, ivi compresi i consorzi di tutela del germoplasma vegetale, del salame di Sant’Angelo, della provola dei Nebrodi; ed ancora, tre gruppi di azione locale (Gal Nebrodi Plus, Gal taormina Peloritani, Gal Tirrenico Mare Monti e Borghi), il distretto produttivo dolce Sicilia, tre condotte slow food, l’Unpli Messina, agenzie di certificazione, organismi di ricerca, il consorzio intercomunale Tindari – Nebrodi, la camera di commercio di Messina, 40 amministrazioni comunali. Questi gli attori del costituito distretto del cibo dei Nebrodi – Valdemone, composto da 280 partner“, affermano Calanna e Maniaci.

Dieci le filiere produttive coinvolte: agrumicola, frutta fresca ed in guscio, proteaginose, olivicola ed olearia, vitivinicola, carni, lattiero – casearia, florovivaistica. Il Distretto si presenta complessivamente con 524 addetti e oltre ventimilioni e quattrocento mila euro di fatturato certificato Bio, Igp, Dop, Doc, GlobalGap“, aggiungono.

È il risultato di un grande sforzo aggregativo, senza tradire i principi identitari e omogenei che stanno alla base della logica distrettuale. La chiara e tangibile risposta al momento di crisi che travaglia il territorio, sostenendo lo sforzo per un nuovo riposizionamento dell’agricoltura, con l’obiettivo di coniugare qualità e sostenibilità. Il distretto del cibo dei Nebrodi – Valdemone è l’evoluzione innovativa del distretto agricolo, esso promuovere uno strumento finalizzato ad organizzare e sostenere il sistema produttivo agricolo e agroalimentare locale, a promuovere lo sviluppo delle comunità puntando sul loro carattere identitario definito nei prodotti tipici e/o a denominazione e/o biologici“, proseguono Calanna e Maniaci.

Il vasto partenariato pubblico/privato afferma compiutamente il principio di sussidiarietà, mette in campo una molteplicità di obbiettivi ed una sintesi progettuale-programmatoria unitaria ed integrata.

Tra i molteplici obiettivi:

  • sviluppo territoriale;
  • coesione sociale;
  • integrazione di attività caratterizzate da prossimità territoriale, – integrazione di filiere produttive;
  • sicurezza alimentare;
  • diminuzione dell’impatto ambientale delle produzioni;
  • riduzione dello spreco alimentare;
  • salvaguardia del territorio e del paesaggio attraverso le attività agricole e agroalimentari” spiegano.

Oggi il territorio, dando prova di maturità ed unità, ha svolto con scrupolo il suo compito; ora la Regione Siciliana e per essa l’assessorato regionale all’Agricoltura verifichi rapidamente la sussistenza dei requisiti per il riconoscimento, consentendo al distretto del cibo dei Nebrodi – Valdemone di essere iscritto nell’albo nazionale dei Distretti, permettendogli la partecipazione all’imminente bando nazionale così come deciso e annunciato nell’ultima seduta della conferenza Stato-Regione” concludono il presidente Francesco Calanna e la direttrice Giusi Maniaci – del Biodistretto dei Nebrodi.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin