"Distretto del cibo dei Nebrodi - Valdemone": presentata l'istanza al dipartimento regionale dell’Agricoltura :ilSicilia.it

A comunicarlo Francesco Calanna e Giusi Maniaci

“Distretto del cibo dei Nebrodi – Valdemone”: presentata l’istanza al dipartimento regionale dell’Agricoltura

di
22 Luglio 2019

Il presidente Francesco Calanna e la direttrice Giusi Maniaci – del Biodistretto dei Nebrodi, fanno saper di avere inoltrato un comunicato al Dipartimento Regionale dell’Agricoltura, si tratta dell’istanza per il riconoscimento del Distretto del cibo dei Nebrodi – Valdemone.

Si tratta del primo distretto del cibo formalizzato in Sicilia che certamente costituisce la proposta avanzata e qualitativamente rappresentativa di un terzo del sistema agricolo siciliano. 177 imprese agricole ed agroalimentari, decine e decine di aziende altre operanti nel settore della trasformazione e dell’accoglienza, svariate firme associative, ivi compresi i consorzi di tutela del germoplasma vegetale, del salame di Sant’Angelo, della provola dei Nebrodi; ed ancora, tre gruppi di azione locale (Gal Nebrodi Plus, Gal taormina Peloritani, Gal Tirrenico Mare Monti e Borghi), il distretto produttivo dolce Sicilia, tre condotte slow food, l’Unpli Messina, agenzie di certificazione, organismi di ricerca, il consorzio intercomunale Tindari – Nebrodi, la camera di commercio di Messina, 40 amministrazioni comunali. Questi gli attori del costituito distretto del cibo dei Nebrodi – Valdemone, composto da 280 partner“, affermano Calanna e Maniaci.

Dieci le filiere produttive coinvolte: agrumicola, frutta fresca ed in guscio, proteaginose, olivicola ed olearia, vitivinicola, carni, lattiero – casearia, florovivaistica. Il Distretto si presenta complessivamente con 524 addetti e oltre ventimilioni e quattrocento mila euro di fatturato certificato Bio, Igp, Dop, Doc, GlobalGap“, aggiungono.

È il risultato di un grande sforzo aggregativo, senza tradire i principi identitari e omogenei che stanno alla base della logica distrettuale. La chiara e tangibile risposta al momento di crisi che travaglia il territorio, sostenendo lo sforzo per un nuovo riposizionamento dell’agricoltura, con l’obiettivo di coniugare qualità e sostenibilità. Il distretto del cibo dei Nebrodi – Valdemone è l’evoluzione innovativa del distretto agricolo, esso promuovere uno strumento finalizzato ad organizzare e sostenere il sistema produttivo agricolo e agroalimentare locale, a promuovere lo sviluppo delle comunità puntando sul loro carattere identitario definito nei prodotti tipici e/o a denominazione e/o biologici“, proseguono Calanna e Maniaci.

Il vasto partenariato pubblico/privato afferma compiutamente il principio di sussidiarietà, mette in campo una molteplicità di obbiettivi ed una sintesi progettuale-programmatoria unitaria ed integrata.

Tra i molteplici obiettivi:

  • sviluppo territoriale;
  • coesione sociale;
  • integrazione di attività caratterizzate da prossimità territoriale, – integrazione di filiere produttive;
  • sicurezza alimentare;
  • diminuzione dell’impatto ambientale delle produzioni;
  • riduzione dello spreco alimentare;
  • salvaguardia del territorio e del paesaggio attraverso le attività agricole e agroalimentari” spiegano.

Oggi il territorio, dando prova di maturità ed unità, ha svolto con scrupolo il suo compito; ora la Regione Siciliana e per essa l’assessorato regionale all’Agricoltura verifichi rapidamente la sussistenza dei requisiti per il riconoscimento, consentendo al distretto del cibo dei Nebrodi – Valdemone di essere iscritto nell’albo nazionale dei Distretti, permettendogli la partecipazione all’imminente bando nazionale così come deciso e annunciato nell’ultima seduta della conferenza Stato-Regione” concludono il presidente Francesco Calanna e la direttrice Giusi Maniaci – del Biodistretto dei Nebrodi.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.