Ditirammu: al via la nuova stagione teatrale dal titolo "Tutto può succedere" | Video intervista :ilSicilia.it
Palermo

si comincia l'8 marzo

Ditirammu: al via la nuova stagione teatrale dal titolo “Tutto può succedere” | Video intervista

di
22 Febbraio 2019

Guarda la video intervista in alto 

Il desiderio di donarsi agli altri” che Elisa e Giovanni Parrinello hanno ereditato dal padre Vito è la linfa vitale della nuova stagione, 2019, del Teatro Ditirammu che ha come titolo “Tutto può succedere“.

Ditirammu

Quasi un mantra che, nella storia di uno dei più piccoli teatri d’Italia, si è ripetuto nei decenni per riuscire ogni volta a sbarcare il lunario e continuare ad incontrare il pubblico, da vicino, con l’arte della tradizione popolare e non solo.

Dopo gli ultimi anni, i più difficili, la stagione 2019 presenta un cartellone, frutto di diverse sinergie locali, composto da 123 spettacoli di cui 52 nuove produzioni, 90 produzioni dello stesso Ditirammu, 5 di teatro musicale, 21 approfondimenti legati alla tradizione e 26 spettacoli rivolti ai piccoli, “il pubblico più difficile” come dichiara Elisa Parrinello.

Dalle sue origini il Ditirammu è stato “la casa di tutti coloro che amano fare il teatro e che amano guardarlo“, da qui sono passati gli artisti divenuti poi famosi sul territorio nazionale, una specie di battesimo o di benedizione attraverso un luogo che oggi rischia di dover lasciare la propria sede originale (l’intera palazzina è stata messa in vendita) ma che ogni volta ha saputo rigenerarsi e donarsi alla città.

Ditirammu

Si comincia l’8 marzo (ore 21), ci dice Elisa nella video intervista, con uno spettacolo pensato e dedicato all’universo femminile “Tv_Movement – #masterpiece”, nel cast anche Nguyen, vietnamita di origine e palermitana di adozione, che è testimonial della stagione.

Giunta a Palermo otto anni fa grazie all’opportunità di una borsa di studio per l’approfondimento della lingua italiana, affascinata dalla cultura italiana, ha deciso di restare in città.

Ditirammu

Nguyen sarà sul palco per l’apertura della stagione insieme a Elisa e Giovanni Parrinello, Marco Raccuglia dell’etichetta discografica “The Vito Records”, con Giacomo Scinardo alla chitarra, Serena Ganci Cantante e attrice, Beatrice Visconti alla voce  e dei piccoli come Yara Baruffato, Chicco Bologna, Massimo Civilleri, e Alessandro Ricolo che canteranno e suoneranno #Masterpiece canzone dedicata alle donne scritta da Giovanni e Marco – racconta Elisa Parrinello – il tutto frammentato dalle letture e dai racconti di quattro  giovanissime attrici di scuole teatrali diverse. Accompagnate dalla traduzione della LIS (Lingua dei Segni Italiana) di Marcello Di Fatta.

Tantissimi i nomi presenti in cartellone che, nelle diverse sezioni, accompagneranno il pubblcio palermitano fino a dicembre: Serena Ganci, Ugo Giacomazzi, Debora Troìa, Filippo Luna, Stefania Blandeburgo, Daniele Billitteri, Marco Manera, Antonio Pandolfo, Paride Benassai, Maurizio Bologna, Alfio Scuderi, Claudia Puglisi, Giuseppe Muscarello, Alberto Maniaci, Angelo Duro, I Sansoni, Civilleri Lo Sicco, Emma Dante, Patrizia D’Antona, Rosalba Bologna, Gigi Borruso, Roberto Gandini, Rosario Terranova, Sofia Muscato, Josh Rizzuto, Loris e Lucilla, Mario Incudine, Leo Gullotta, Davide Enia, Francesco Scianna, Sergio Friscia e uno speciale dedicato alla carriera di Toti e Totino.

Ditirammu

Nelle varie produzioni – continua Elisa – ho deciso di inserire figure artistiche nuove, creando un canale aperto alle nuove realtà non solo giovanili ma per tutte le età”.

Attrici e attori magari sconosciuti o che hanno preso il diploma accademico teatrale e sono in cerca di un’opportunità anche piccola. Così è nato il bando “Premio Piccirè”, fiabe e leggende della tradizione popolare Siciliana dedicato a Vito Parrinello che scadrà proprio a fine febbraio.

Il nuovo cartellone del Ditirammu firma il sodalizio anche con le altre realtà palermitane dal Teatro Libero al Teatro Jolly allo Spazio Franco ai Cantieri culturali che ospiterà il nuovo “Alphamen e Alphafem“.

La crescita degli ultimi anni del Teatro, realizzata grazie al rinnovamento dell’assetto statutario e all’attivazione di una équipe di collaboratori esperti, ha portato all’assegnazione di un contributo per attività teatrali da parte del Ministero per i Beni e le Attività culturali tramite il Fondo Unico Per Lo Spettacolo (art. 13 comma 1 – Imprese di produzione teatrale), oltre ai contributi della Regione Siciliana – Assessorato Turismo, Sport e Spettacolo, e del Comune di Palermo.

Nell’ottica, infine, di incontrare un maggior numero di utenti possibili sono state redatte delle offerte di “pacchetti sconto” per l’acquisto dei biglietti consultabili sul sito del Ditirammu.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.