Diventare sviluppatori software: startup palermitana avvia la selezione per un corso gratuito a distanza :ilSicilia.it

L'iniziativa di Codingavision

Diventare sviluppatori software: startup palermitana avvia la selezione per un corso gratuito a distanza

28 Marzo 2020

Codingavision, startup innovativa fondata a Palermo nel 2019, lancia una call per selezionare 60 aspiranti sviluppatori software da formare gratuitamente e assumere i migliori nel team o in altre aziende partner.

Si possono inviare le candidature entro il 4 maggio sul sito www.codingavision.com. I corsi si svolgeranno in remoto e mirano a formare professionisti che abbiano la capacità di lavorare direttamente da casa.

I 60 si aggiungeranno ai 10 ragazzi che stanno già per concludere il primo percorso lanciato ad Ottobre del 2019 come progetto pilota.  Si tratta di un investimento importante per formare talenti siciliani su quattro differenti profili: iOS, Web Frontend, Android e Backend. I corsi sono gratuiti e altamente professionalizzanti, progettati su un approccio teorico/pratico e basati su metodologia scrum e ambiente agile.

I percorsi formativi sono progettati all’interno di un’aula virtuale e mirano a formare professionisti in grado di gestire il lavoro in modalità remota. Lo sviluppo di un prodotto digitale può tranquillamente impiegare le risorse in remoto e consentire ai componenti del team la scelta del proprio luogo di lavoro – spiega Massimiliano Costa, Founder e CEO della startup – Un talento del Sud Italia può sviluppare software per una grande azienda di Berlino, Londra o San Francisco. Il digitale non ha limiti e annulla le distanze“.

Smart working e remote learning sono terminologie che ormai stanno entrando in modo dirompente nella nostra quotidianità. Il momento storico che stiamo vivendo a livello globale è difficile e imprevedibile – continua Costa – stanno cambiando le nostre abitudini e le nostre prospettive. Questa crisi avrà un impatto economico, sociale e culturale di cui ancora non conosciamo le proporzioni, ma non possiamo stare fermi, abbiamo il dovere di reagire e di innovare il nostro modo di stare al mondo.”

Formiamo gratuitamente i ragazzi del Sud per fargli scegliere liberamente dove vivere e lavorare, e sopratutto – spiega Alessandro Balsamo, General Manager a Palermo – in un momento storico come quello che stiamo vivendo, lanciare un percorso di formazione che da la possibilità di potersi formare e poi lavorare direttamente da casa assume un carattere di importanza straordinaria“.

La Commissione UE calcola il numero delle offerte di lavoro in ambito digitale per il 2020 all’interno di un range tra 700 mila e 1,3 milioni, e più precisamente la professionalità maggiormente ricercata è quello dello sviluppatore di software: 250 mila. A fronte di questi numeri così grandi mancano i professionisti in grado di incrociare le opportunità di lavoro, e pensare che nelle regioni del Sud Italia la disoccupazione giovanile ha sfondato il parametro del 50%.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.