Diventerà Bellissima: "Giusto recuperare e valorizzare i borghi rurali" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

il provvedimento del presidente musumeci

Diventerà Bellissima: “Giusto recuperare e valorizzare i borghi rurali”

di
25 Settembre 2019

“Il Presidente della Regione, Nello Musumeci  e il Governo che egli rappresenta, avevano annunciato di avere stanziato circa 14 milioni di euro per riqualificare e valorizzare tre borghi rurali costruiti negli anni Quaranta. Ma la solita, sterile bagattella ideologica ha fatto saltare letteralmente dalla sedia parecchi esponenti dem che hanno chiesto al Capo del governo regionale, “quali criteri, che non siano quelli di matrice ideologica e di fede politica, hanno spinto a selezionare questi tre borghi…”. Eh già, tre borghi di rara bellezza diventano materia di controversia perché venuti alla luce durante il fascismo: la più classica batracomiomachia  fondata sulla più becera e inconcludente politica barricadera”.

Lo sottolineano Tania Pontrelli e Luca Tantino, del Direttivo regionale di Diventerà Bellissima.

tania-pontrelli“Eppure – affermano – ogni strategia turistica, ormai da decenni, passa dalla valorizzazione culturale dei suoi siti, dei suoi luoghi e degli stessi borghi antichi che sono un valore aggiunto agli stessi luoghi. Queste non sono bizzarre congetture, bensì linee programmatiche di un’idea di turismo culturale ad ampio spettro che dell’aspetto rurale fanno un punto di forza: basterebbe guardare, senza peraltro scimmiottare, ad altre realtà nazionali che ormai hanno consolidato e reso moneta sonante tale lungimirante promozione”.

“Il governo Musumeci ha dimostrato di saper guardare oltre, osare oltre, decidere oltre. Tant’è che ha deciso di espropriare per renderlo fruibile, per renderlo “luogo della memoria”, il casolare in cui la mafia torturò e uccise Peppino Impastato. Operazione peraltro ignorata dai precedenti  governi di sinistra, invece concertata dalla Giunta regionale in carica, a riprova che Nello Musumeci non è animato da vis ideologica nelle proprie scelte. A differenza di chi ancora oggi lega una proposta, un progetto per il territorio, un’idea di riscatto culturale e sociale alla parte politica dalla quale proviene. Una reductio mortificante per i siciliani e pericolosa per ogni prospettiva di rilancio dell’Isola”.

“Ecco, la sinistra dem agisce anacronisticamente secondo i dettati di un celebre, quanto superato e stantìo aforisma di Mao Tse-Tung: “ Dobbiamo sostenere tutto ciò contro cui il nemico combatte e combattere contro tutto ciò che il nemico sostiene”. Ma per gettarla nella battuta di spirito, nell’ironia (una risposta politica seria sarebbe impossibile di fronte a tanta vacuità politicante), potremmo rispondere con una fra le più celebri affermazioni di Deng Xiaoping, inviso allo stesso Mao per il suo realismo qui espresso curiosamente: “Non importa di che colore sia il gatto, purché sappia prendere i topi”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin