Diventerà Bellissima si 'Lega' o NO? Oggi il summit del movimento a Cefalù :ilSicilia.it

la convention

Diventerà Bellissima si ‘Lega’ o no? Oggi il summit del movimento a Cefalù

di
4 Luglio 2020
razza
Ruggero Razza

Il movimento #DiventeràBellissima fondato dal presidente della Regione Nello Musumeci oggi teoricamente dovrà scegliere se essere “carne” o “pesce”. Tra pomeriggio e sera a Cefalù in molti attendono di sapere dal governatore quale dovrà essere il destino del movimento. L’iniziativa al Costa verde, ideata a e organizzata dal gruppo parlamentare dell’Ars, prevede diversi momenti tematici. In mattinata toccherà ai giovani e agli enti locali, alle 12.30 ci sarà spazio per un tavolo sul rilancio dell’economia siciliana dopo il Coronavirus. Dopo la pausa pranzo, saliranno sul palco i delegati provinciali (coordinati da Gino Ioppolo e dal presidente Giuseppe Catania), i cinque deputati regionali (Aricò, Assenza, Galluzzo, Savarino e Zitelli) e l’assessore alla Salute Ruggero Razza. Mentre le conclusioni saranno affidate a Musumeci, intorno alle 18.

Mal’attenzione di tutti sarà sul vaglio dell’ipotesi di federarsi con la Lega di Matteo Salvini. Una idea che piace moltissimo all’assessore alla Sanità Ruggero Razza ma che non fa impazzire una parte del movimento, principalmente il versante palermitano, con in testa il capogruppo all’ars di Db, Alessandro Aricò. Se, da una parte, l’idea di federarsi con la Lega può sembrare allettante, visto che al momento il Carroccio è il primo partito d’Italia, dall’altra alcuni fanno notare le insidie di un abbraccio rivolto non in via esclusiva a DB ma a tutti i movimenti autonomisti dell’Isola. E così il movimento rischia di dividersi in due correnti. Nel frattempo, Nello Musumeci cerca maggiori garanzie da Salvini per capire come districarsi.

Alessandro Aricò
Alessandro Aricò

Giocano un ruolo di grande importanza, in questo contesto, gli equilibri interni a #DiventeràBellissima: ormai da diversi mesi, complice anche una efficace gestione dell’emergenza coronavirus, la popolarità dell’assessore Razza nella politica siciliana e soprattutto nel suo movimento è parecchio cresciuta e in molti pensano che ciò peserà nella decisione che prenderà Musumeci. Ma il governatore, ad oggi, non sembra avere intenzione di sbilanciarsi. L’incontro al Costa Verde di Cefalù, dunque, potrebbe rappresentare soltanto il primo step per cercare di capire cosa fare in seguito. Quindi oggi probabilmente non sarà partorita nessuna decisione finale per il futuro del movimento.

Musumeci però deve cercare di fare in fretta. Il commissario della Lega in Sicilia Stefano Candiani ed anche il leader del Carroccio Salvini, aspettano risposte chiare e lineari. Principalmente per capire come comportarsi alle prossime amministrative, in particolare in alcuni centri che andranno al voto, come Milazzo ed Agrigento. Per esempio: ad Agrigento sembra proprio che il candidato a sindaco della Lega sia il medico Francesco Miccichè. Idea che non vorrebbe sostenere Giusi Savarino di DB. La quale cerca di spingere la candidatura di Marco Zambuto. L’ex sindaco del Pd ad oggi è in cerca di sponsor politici per la sua nuova candidatura. Ma in molti credono che oramai è fuori dai giochi.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.