DiventeràBellissima Giovani, nominato il coordinamento provinciale di Palermo :ilSicilia.it

A guidarlo è la partinicese Deborah Marino

DiventeràBellissima Giovani, nominato il coordinamento provinciale di Palermo

di
14 Novembre 2019

Nominato il coordinamento provinciale di DiventeràBellissima Giovani Palermo. Le deleghe sono state assegnate dalla coordinatrice, la partinicese Deborah Marino, ad Olga Marino (vice), Nunzio Pravatà (Turismo), Giuseppe Davì (Scuola), Alberto Oddo (Università), Silvia Ganduscio (Salute), Luca Puccio (Lavoro), Filippo Rocco (Sport) e Gaetano Siracusa (Ambiente e Territorio).

“Il nostro movimento conta numerosi studenti, giovani professionisti, imprenditori e pure alcuni consiglieri comunali che sono già classe dirigente- sottolinea Deborah Marino– Abbiamo voglia di metterci in gioco, perché crediamo nella buona politica che non può prescindere da un impegno in prima persona nei territori e secondo le proprie competenze“.

Il capogruppo all’Ars, Alessandro Aricò, afferma: “Siamo orgogliosi del nostro movimento giovanile. È costituito da giovani competenti e molto motivati, rappresentando certamente un valore aggiunto per DiventeràBellissima“.

Interviene pure Angelo Pizzuto, coordinatore provinciale di DiventeràBellissima: “Un movimento giovanile che si struttura al suo interno è segno importante di come ci siano giovani che vogliono impegnarsi con passione. Per DiventeràBellissima sono uno stimolo nella ricerca ed elaborazione di idee e progetti per il rilancio e lo sviluppo del nostro territorio e per il sostegno alle imprese. Solo nuove opportunità di lavoro, infatti, potranno consentire ai giovani di restare in Sicilia e di non emigrare“.

Infine Emanuele Cocchiara, vicecoordinatore regionale di DB Giovani, afferma: “Cerchiamo di dare un segnale, dimostrando che ci sono tanti giovani che hanno voglia di contribuire a migliorare la nostra terra attraverso la buona politica con il nostro movimento“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin