#DiventeràBellissima, Tantino sul congresso: "Non è una svolta centrista" | Videointervista :ilSicilia.it
Palermo

Parla il responsabile enti locali del movimento

#DiventeràBellissima, Tantino sul congresso: “Non è una svolta centrista” | Videointervista

di
27 Febbraio 2019

Guarda il video in alto

Elezioni amministrative, il congresso regionale appena concluso di #DiventeràBellissima e la scelta di Nello Musumeci di non schierarsi alle prossime Europee. Di questo e di tanto altro ha parlato Luca Tantino, responsabile Enti locali per Palermo e provincia del movimento fondato dal Presidente della Regione.

Sulla tornata elettorale per le elezioni amministrative del 28 aprile, Tantino mostra di avere le idee chiare: “Portiamo avanti la formula della coalizione ‘fotocopia’ di quella che oggi sostiene al’Ars il governatore. Un modello che si è dimostrato vincente in comuni come Partinco“, afferma il dirigente di DB.

Tantino torna anche sul congresso regionale di #DiventeràBellissima, allontanando l’ipotesi di un cambio di pelle del movimento: “Non è una svolta centrista – afferma – Abbiamo constatato che c’è uno zoccolo duro dell’elettorato moderato che non va a votare“. E per riportare questa fetta di popolo alle urne, dice Tantino “Non è servito nemmeno il malpancismo pentastellato”.

Una battuta anche sulla decisione di non schierarsi alle elezioni Europee annunciata da Nello Musumeci durante la fase congressuale: “Fa capire quanto il presidente Musumeci abbia a cuore la coalizione – dice Tantino -, questa è una posizione di garanzia. Dopo le Europee con mutati contesti della geografia politica si discuterà su come individuare posizionamenti di #DiventeràBellissima anche oltre lo stretto di Messina“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

La “Maleducazione 2.0”

Se è vero che i tempi cambiano, anche le cattive abitudini educative diventano tecnologiche e "2.0": anche la maleudcazione, insomma, diventa "moderna"...

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin