#DiventeràBellissima vira al Centro. Musumeci: "No al sovranismo. Neutrali alle Europee" | Video e foto :ilSicilia.it

Il congresso del movimento fondato dal governatore

#DiventeràBellissima vira al Centro. Musumeci: “No al sovranismo. Neutrali alle Europee” | Video e foto

di
24 Febbraio 2019

Scorri la galleria fotografica in alto e guarda il video in basso

C’è un vuoto, si chiama centro, l’aerea di destra è già occupata. Lo dico io che rimango ostinatamente uomo di destra. Serve coprire quest’area moderata e rivolgersi a un mondo che non accetta il linguaggio pesante di alcuni leader. Abbiamo il dovere di determinare un cambiamento di rotta in un’area che cerca un’offerta politica adeguata, affidabile, che è appunto l’area di centro“. Nello Musumeci detta l’agenda durante il secondo congresso del movimento Diventerà Bellissima, a Catania, guardando al centro e prendendo le distanze dal sovranismo: “Io non sono mai stato sovranista – ha detto – il sovranismo nazionale è in antitesi con gli interessi della Sicilia. Non possiamo porci fuori dall’Europa, la Sicilia è la più europea delle regioni“.

Il Presidente della Regione, dunque, rilancia il modello di alleanza oggi all’Ars e distanzia la possibilità di dialogo con Matteo Salvini e Giorgia Meloni. Ma chi si aspettava dal congresso indicazioni sulle scelte del partito per le elezioni Europee è rimasto (parzialmente) deluso.

Sì, perché il governatore, ha rilanciato l’idea di un nuovo movimento che inglobi autonomisiti, destra moderata, cattolici, liberali e repubblicani, formazione politica di cui #DiventeràBellissima farebbe parte. Nell’attesa, però, DB non darà indicazioni al proprio elettorato in vista delle Europee: “Non possono essere l’orizzonte di calendario per decidere le sorti del nostro movimento politico – ha affermato il governatore – Le europee non determineranno le sorti della Sicilia. In campagna elettorale non si fanno mai scelte serene“.

Quindi l’indicazione: “Io credo che alle Europee abbiamo il dovere di non prendere posizione, lasciare liberi i nostri iscritti di votare per chi vogliono – ha detto – La proposta che faccio al congresso è di assumere una posizione di neutralità. Ogni dirigente deve mantenersi estraneo a qualsiasi forma di propaganda, altrimenti verrà cacciato. Noi – conclude Musumeci – siamo forti se restiamo uniti“.

Musumeci presidente del movimento, Ioppolo coordinatore

Al termine del congresso regionale di Diventerà Bellissima, che si è tenuto a Catania, sono stati eletti per acclamazione Nello Musumeci, Gino Ioppolo e Giuseppe Catania, rispettivamente presidente, coordinatore regionale e presidente della assemblea regionale. Il neocordinatore Ioppolo, sindaco di Caltagirone, nella scorsa legislatura è stato deputato regionale ed è molto vicino al presidente della Regione.

Guarda il video del congresso:

Congresso regionale di #DiventeràBellissima

Pubblicato da Diventerà Bellissima su Domenica 24 febbraio 2019

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin