#DiventeràBellissima vira al Centro. Musumeci: "No al sovranismo. Neutrali alle Europee" | Video e foto :ilSicilia.it

Il congresso del movimento fondato dal governatore

#DiventeràBellissima vira al Centro. Musumeci: “No al sovranismo. Neutrali alle Europee” | Video e foto

di
24 Febbraio 2019

Scorri la galleria fotografica in alto e guarda il video in basso

C’è un vuoto, si chiama centro, l’aerea di destra è già occupata. Lo dico io che rimango ostinatamente uomo di destra. Serve coprire quest’area moderata e rivolgersi a un mondo che non accetta il linguaggio pesante di alcuni leader. Abbiamo il dovere di determinare un cambiamento di rotta in un’area che cerca un’offerta politica adeguata, affidabile, che è appunto l’area di centro“. Nello Musumeci detta l’agenda durante il secondo congresso del movimento Diventerà Bellissima, a Catania, guardando al centro e prendendo le distanze dal sovranismo: “Io non sono mai stato sovranista – ha detto – il sovranismo nazionale è in antitesi con gli interessi della Sicilia. Non possiamo porci fuori dall’Europa, la Sicilia è la più europea delle regioni“.

Il Presidente della Regione, dunque, rilancia il modello di alleanza oggi all’Ars e distanzia la possibilità di dialogo con Matteo Salvini e Giorgia Meloni. Ma chi si aspettava dal congresso indicazioni sulle scelte del partito per le elezioni Europee è rimasto (parzialmente) deluso.

Sì, perché il governatore, ha rilanciato l’idea di un nuovo movimento che inglobi autonomisiti, destra moderata, cattolici, liberali e repubblicani, formazione politica di cui #DiventeràBellissima farebbe parte. Nell’attesa, però, DB non darà indicazioni al proprio elettorato in vista delle Europee: “Non possono essere l’orizzonte di calendario per decidere le sorti del nostro movimento politico – ha affermato il governatore – Le europee non determineranno le sorti della Sicilia. In campagna elettorale non si fanno mai scelte serene“.

Quindi l’indicazione: “Io credo che alle Europee abbiamo il dovere di non prendere posizione, lasciare liberi i nostri iscritti di votare per chi vogliono – ha detto – La proposta che faccio al congresso è di assumere una posizione di neutralità. Ogni dirigente deve mantenersi estraneo a qualsiasi forma di propaganda, altrimenti verrà cacciato. Noi – conclude Musumeci – siamo forti se restiamo uniti“.

Musumeci presidente del movimento, Ioppolo coordinatore

Al termine del congresso regionale di Diventerà Bellissima, che si è tenuto a Catania, sono stati eletti per acclamazione Nello Musumeci, Gino Ioppolo e Giuseppe Catania, rispettivamente presidente, coordinatore regionale e presidente della assemblea regionale. Il neocordinatore Ioppolo, sindaco di Caltagirone, nella scorsa legislatura è stato deputato regionale ed è molto vicino al presidente della Regione.

Guarda il video del congresso:

Congresso regionale di #DiventeràBellissima

Pubblicato da Diventerà Bellissima su Domenica 24 febbraio 2019

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.