Dj morta: per gli investigatori il bambino era con lei :ilSicilia.it
Messina

drammatiche le ipotesi

Dj morta: per gli investigatori il bambino era con lei

di
9 Agosto 2020

Proseguono senza sosta le ricerche di Gioele, 4 anni, il figlio di Viviana Parisi, 43 anni, la dj trovata morta a Caronia che secondo gli investigatori era con lei nel bosco dove è stata ritrovata.

L’ipotesi più drammatica, fatta dagli inquirenti, è che la donna potrebbe avere ucciso il figlio seppellendolo nella zona prima di suicidarsi. Decine di persone con unità cinofile stanno perlustrando le campagne.

“Fino ad oggi – spiegano i vigili del fuoco abbiamo perlustrato più di 500 ettari con l’ausilio dei cani e dei droni. È complicato perché si tratta di boschi e luoghi impervi dove è difficile spostarsi”.

Daniele Mondello, il marito di Viviana Parisi e padre del piccolo, si è recato stamane nella zona del ritrovamento dove le forze dell’ordine continuano a cercare il figlio della coppia di 4 anni. Con lui c’erano alcuni familiari. L’uomo è poi andato via.

Leggi anche

Dj morta: attesa l’autopsia, continuano le ricerche del piccolo Gioele

Il giallo della donna scomparsa nel nulla col figlio: proseguono le ricerche

Donna scomparsa col figlio: le telecamere smentiscono gli avvistamenti a Giardini Naxos

Ricerche di Viviana Parisi, scoperto un cadavere a Caronia. Ritrovata l’altra donna scomparsa

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.