"Dl Sblocca cantieri", ecco cosa prevede la norma che salva le Province siciliane | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Tutte le misure a favore degli enti intermedi

“Dl Sblocca cantieri”, ecco cosa prevede la norma che salva le Province siciliane

di
23 Marzo 2019

Consentire ai Liberi consorzi comunali e alle Città metropolitane della Sicilia, in deroga alle disposizioni generali di contabilità pubblica, di attuare interventi urgenti per contenere la crisi finanziaria che impedisce a tale enti di approvare e chiudere i bilanci. Lo prevede una bozza di emendamento, come rende noto l’agenzia Public Policy, che dovrebbe essere presentato durante l’esame parlamentare sul dl Sblocca cantieri.

Nel dettaglio, l’emendamento vorrebbe permettere a tali enti di approvare il rendiconto della gestione degli esercizi 2018 e precedenti anche se il relativo bilancio di previsione non è stato deliberato. Agli stessi enti verrebbe poi concesso di predisporre il bilancio di previsione annuale solo per l’esercizio 2019 senza doverlo riferire, per quest’anno, al triennio 2019/2021. L’emendamento punta inoltre a permettere nel 2019 ai Liberi consorzi e alle Città metropolitane della Sicilia di utilizzare sia fondi liberi sia quelli destinati e vincolati dell’avanzo di amministrazione per garantire il pareggio finanziario e gli equilibri finanziari previsti dal Testo unico degli enti locali.

La proposta vorrebbe infine consentire ai Liberi consorzi comunali e alle Città metropolitane della Sicilia, nel 2019, in caso di esercizio provvisorio o gestione provvisoria, l’applicazione dell’articolo 163 del Tuel, con riferimento all’ultimo bilancio di previsione approvato; e verrebbe concesso di effettuare (con delibera consiliare) – per utilizzare le risorse per gli interventi infrastrutturali, comprese quelle stanziate in manovra per questi stessi enti – le necessarie variazioni, in entrata e in uscita, per lo stesso importo, che sono recepite al momento dell’elaborazione ed approvazione del bilancio di previsione.

La manovra ha infatti previsto – in attuazione dell’accordo del 19 dicembre scorso tra lo Stato e la Regione Siciliana – l’attribuzione di un importo complessivo di 540 milioni di euro da destinare proprio ai Liberi consorzi e alle Città metropolitane della Sicilia per le spese di manutenzione straordinaria di strade e scuole (da erogare in quote di 20 milioni annui dal 2019 e 2020, e di 100 milioni annui dal 2021 al 2025). L’accordo prevede anche la riduzione del contributo annuale alla finanza pubblica richiesto alla Regione Siciliana.

Altre previsioni dell’accordo (attuate poi in manovra) sono: l’abrogazione dell’obbligo per la Regione Siciliana, stabilito nell’accordo del 2017, di ridurre annualmente la spesa corrente del 3 per cento e il conseguente trattenimento da parte del Mef del corrispettivo dello sforamento; e la conferma dell’obbligo per la Regione di destinare ai Liberi consorzi del proprio territorio un contributo di 70 milioni di euro annui, aggiuntivi rispetto al consuntivo 2016, impegno che la Regione aveva assunto nell’accordo del 2017.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin