Dobbiamo essere un unico C.I.A.T.U perché "Siamo Capaci" | VIDEO :ilSicilia.it

In una canzone, il coraggio di ogni giorno

Dobbiamo essere un unico C.I.A.T.U perché “Siamo Capaci” | VIDEO

23 Maggio 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Il 23 maggio è una di quelle date, come il 19 luglio e, purtroppo, tantissime altre, che, scolpita tragicamente nella nostra mente, ci fa rivivere quel dolore, quello sbandamento, quell’annullamento di speranza provati ogni volta in cui la Sicilia ha visto cadere i suoi figli e le sue figlie migliori, che hanno sacrificato le loro vite per dare a quest’isola, amata dagli dèi e, spesso, profanata da uomini empi, dèmoni in terra, un futuro di vita e non di morte. Le celebrazioni del 28° anniversario della strage di Capaci assumeranno una forma diversa dal passato a causa delle restrizioni necessarie per contenere la diffusione del virus Covid-19. Quest’anno la manifestazione è intitolata “Il coraggio di ogni giorno” ed è dedicata all’impegno di tutti i cittadini che in questi mesi di emergenza del Paese, con responsabilità e sacrificio, hanno operato per il bene della collettività. Donne e uomini che hanno reso straordinario il loro ordinario.

Roy Paci, per la realizzazione di questo importante progetto ha unito le voci di grandi talenti siciliani in un momento di comdivisione, per la prima volta, in un’unica grande comunità: C.I.A.T.U. (Collettivo Indipendente Artisti della Trinacria Uniti).

Il testo, scritto a quattro mani da Roy Paci e Giuseppe Anastasi, vuole essere un canto di rinascita in un periodo storico dove risulta necessario lanciare un messaggio forte, per evitare di far sprofondare la nostra terra nel buio degli anni passati e dare la speranza che “Siamo capaci di dire no”. Un bellissimo gioco di parole che ci riporta a Capaci e a non dimenticare.

Tutti i proventi delle vendite del brano andranno devoluti:

  • in collaborazione col Ministero dell’Istruzione alla scuola Pertini del quartiere Sperone di Palermo, recentemente vandalizzata e alle altre scuole in contesti difficili del territorio.
  • in collaborazione con Associazione Libera a sostegno di progetti educativi rivolti a giovani siciliani.

Le Voci sono: Giuseppe Anastasi, Sergio Beercock, Mario Biondi, Giovanni Caccamo, Tony Canto, Nicolò Carnesi, Oriana Civile, Peppe Cubeta(Qbeta), Roberta Finocchiaro, Lorenzo Fragola, Serena Ganci, Giovanni Gulino, Frankie hi-nrg mc, Mario Incudine, Pippo Kaballà, Patrizia Laquidara, la Rappresentante di Lista, Luca Madonia, Roy Paci, Christian Picciotto, Pippo Pollina, Nonò Salamone, Alessandra Salerno, Etta Scollo, Ivan Segreto, Shakalab, Davide Shorty, Vincenzo Spampinato, Sasha Torrisi.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.