Doccia fredda per Tecnis: cantieri di mezza Sicilia a rischio incompiuta :ilSicilia.it
Catania

Salta la vendita a Pessina

Doccia fredda per Tecnis: cantieri di mezza Sicilia a rischio incompiuta

di
6 Marzo 2019

Doccia fredda, anzi gelata, per la Tecnis e diversi appalti sparsi tra la Sicilia e tutto lo Stivale. L’impresa catanese in vendita e in amministrazione straordinaria sembra ancora bloccata in un tunnel senza uscita. Sarebbe sfumata ieri la procedura di vendita dell’intero asset – che include le collegate “Artemis spa” “Cogip holding” – al colosso milanese Pessina, che aveva presentato un’offerta.

Lo rende noto il commissario Saverio Ruperto: «Successivamente all’aggiudicazione provvisoria, il gruppo Pessina ha dichiarato di non essere in grado di accettare a causa del mancato avveramento di una condizione da essa posta all’offerta vincolante». In pratica il gruppo milanese avrebbe fatto dietrofront, pur essendo l’unica ad aver presentato offerta di acquisto dell’intero asset per 66 milioni di euro.

Ciò significa che numerosi cantieri siciliani rischiano la paralisi. Dall’Anello Ferroviario di Palermo (Giachery-Politeama), al collettore fognario Sistema Cala (disinquinamento della fascia costiera dall’Acquasanta al fiume Oreto, subappaltato a Sikelia), dall’ammodernamento del Policlinico di Palermo (Sikelia), alla Palermo-Agrigento (ATI Bolognetta scpa, composta da Ccc, Tecnis e Cmc), dalla metropolitana di Catania, passando per il porto di Catania, quello di Ragusa, l’interporto di Catania e il progetto (rimasto sulla carta) dell’Interporto di Termini Imerese. A questi appalti si aggiungono poi la Salerno-Reggio Calabria, il raddoppio della Tiburtina a Roma e altre centinaia di commesse in tutta Italia. In vendita commesse e concessioni per un valore di 1,8 miliardi di euro.

Dopo il passo indietro di Pessina, i sindacati temono il rischio incompiute. Ma alla finestra ci sarebbero altre offerte: in pole position la D’Agostino spa (Avellino) con la Arechi (Salerno).

Ruperto ora dovrà tirare fuori dal cilindro una soluzione a stretto giro, prima che i vari appalti – già in acque agitate – finiscano in alto mare. “Il commissario, preso atto di tale evenienza – conclude Ruperto – assumerà a stretto giro tutti i provvedimenti più opportuni al fine di salvaguardare la procedura di vendita, onde preservare il mantenimento dell’occupazione, garantire la continuità dei cantieri e la conservazione degli asset aziendali”.

Il Comune di Palermo intanto ha le mani legate: l’appalto dell’Anello ferroviario è in mano a Rfi.

 

LEGGI ANCHE:

Crisi Tecnis, mezza Sicilia al collasso: ecco tutti gli appalti a rischio

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

Il Lupo perde il pelo ma non il vizio

Dov’è finito quel Giuseppe Lupo che da segretario provinciale della Cisl di Palermo, con pacatezza, riusciva a districarsi tra le vertenze più scabrose al tempo in cui rivestiva questo prestigioso incarico?
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Moderati per sopravvivere

Si torna a parlare di un partito dei “moderati” che - come ci informa Belzebù nell’articolo di questi giorni - dovrebbe mettere insieme i cespugli della politica italiana: Italia Viva di Matteo Renzi, Azione di Carlo Calenda, Più Europa di Emma Bonino e Forza  Italia o almeno una sua parte. Un’adesione che finora, però, è più una speranza che una certezza
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.