Doccia gelata per Orlando: a rischio 300 milioni del Patto per Palermo? :ilSicilia.it
Palermo

I RITARDI E LA BEFFA

Doccia gelata per Orlando: a rischio 300 milioni del Patto per Palermo?

di
30 Novembre 2019

La notizia è di quelle che potrebbero far scattare sulla sedia il sindaco: gli oltre 300 milioni del famoso “Patto per Palermo”, siglato nel 2016 tra Renzi e Orlando, potrebbero essere persi per sempre.

Tantissime le opere a rischio: dalle nuove linee del tram (198 milioni) ancora in fase di progettazione definitiva; alla ri-progettazione del sottopasso di via Perpignano (34 milioni, di cui 4,6 dal Patto); al raddoppio del Ponte Corleone (21 mln, di cui 5,3 dal Patto); alla greenway ciclabile Palermo-Monreale (4,7 mln) ancora senza progetto; il ponte di via Oreto (5,3 mln); al restyling del Teatro Massimo (17 mln); alla messa in sicurezza dei costoni rocciosi dell’Addaura e Vergine Maria.

L’ELENCO COMPLETO DEI PROGETTI FINANZIATI DAL PATTO (PDF)

Ma come mai questo improvviso e paventato taglio alle risorse?

Sottovia Perpignano
Il rendering del Sottovia Perpignano

Stando a quanto riportato oggi dal Giornale di Sicilia, in un articolo a firma di Giancarlo Macaluso, tutto nasce dal cosiddetto “decreto crescita” dello scorso aprile, convertito in legge a giugno. Dietro i meandri del burocratese viene messo nero su bianco che possono essere ammessi al finanziamento soltanto gli  interventi «dotati di progettazione esecutiva o con procedura di aggiudicazione avviata».

Lo confermerebbe una nota del Direttore dell’Agenzia per la Coesione territoriale, ricevuta lo scorso 11 novembre dal Capo Area Infrastrutture, Nicola Di Bartolomeo. In essa si dice che “verrà creato un nuovo Piano di Sviluppo e Coesione su base nazionale che avrà modalità di gestione e monitoraggio identiche su tutto il territorio nazionale”. Questo nuovo piano conterrà – per l’appunto – solo i progetti arrivati in fase esecutiva o in aggiudicazione avviata. Per tutti gli altri, chissà.

Dei 332 milioni del Patto (delibera CIPE dicembre 2016) solo una trentina sono stati spesi in 3 anni. Un ritardo colpevole.

L’unica speranza per la Giunta Orlando di non vedere tagliati i fondi per opere “bandiera” come il tram, è racchiuso in un comma della legge, che lascerebbe spazio a ulteriori progetti ritenuti “strategici” dal Dipartimento della Coesione territoriale. Insomma, un gioco prettamente politico. 

Da qui l’apprensione negli uffici tecnici del Comune di Palermo.

L’assessore al ramo, Maria Prestigiacomo, però sembra fiduciosa, poiché sostiene che il sindaco ha avuto assicurazione che la norma sarà modificata dal Governo, per salvare le opere prioritarie.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.