Doccia gelata per Orlando: a rischio 300 milioni del Patto per Palermo? :ilSicilia.it
Palermo

I RITARDI E LA BEFFA

Doccia gelata per Orlando: a rischio 300 milioni del Patto per Palermo?

30 Novembre 2019

La notizia è di quelle che potrebbero far scattare sulla sedia il sindaco: gli oltre 300 milioni del famoso “Patto per Palermo”, siglato nel 2016 tra Renzi e Orlando, potrebbero essere persi per sempre.

Tantissime le opere a rischio: dalle nuove linee del tram (198 milioni) ancora in fase di progettazione definitiva; alla ri-progettazione del sottopasso di via Perpignano (34 milioni, di cui 4,6 dal Patto); al raddoppio del Ponte Corleone (21 mln, di cui 5,3 dal Patto); alla greenway ciclabile Palermo-Monreale (4,7 mln) ancora senza progetto; il ponte di via Oreto (5,3 mln); al restyling del Teatro Massimo (17 mln); alla messa in sicurezza dei costoni rocciosi dell’Addaura e Vergine Maria.

L’ELENCO COMPLETO DEI PROGETTI FINANZIATI DAL PATTO (PDF)

Ma come mai questo improvviso e paventato taglio alle risorse?

Sottovia Perpignano
Il rendering del Sottovia Perpignano

Stando a quanto riportato oggi dal Giornale di Sicilia, in un articolo a firma di Giancarlo Macaluso, tutto nasce dal cosiddetto “decreto crescita” dello scorso aprile, convertito in legge a giugno. Dietro i meandri del burocratese viene messo nero su bianco che possono essere ammessi al finanziamento soltanto gli  interventi «dotati di progettazione esecutiva o con procedura di aggiudicazione avviata».

Lo confermerebbe una nota del Direttore dell’Agenzia per la Coesione territoriale, ricevuta lo scorso 11 novembre dal Capo Area Infrastrutture, Nicola Di Bartolomeo. In essa si dice che “verrà creato un nuovo Piano di Sviluppo e Coesione su base nazionale che avrà modalità di gestione e monitoraggio identiche su tutto il territorio nazionale”. Questo nuovo piano conterrà – per l’appunto – solo i progetti arrivati in fase esecutiva o in aggiudicazione avviata. Per tutti gli altri, chissà.

Dei 332 milioni del Patto (delibera CIPE dicembre 2016) solo una trentina sono stati spesi in 3 anni. Un ritardo colpevole.

L’unica speranza per la Giunta Orlando di non vedere tagliati i fondi per opere “bandiera” come il tram, è racchiuso in un comma della legge, che lascerebbe spazio a ulteriori progetti ritenuti “strategici” dal Dipartimento della Coesione territoriale. Insomma, un gioco prettamente politico. 

Da qui l’apprensione negli uffici tecnici del Comune di Palermo.

L’assessore al ramo, Maria Prestigiacomo, però sembra fiduciosa, poiché sostiene che il sindaco ha avuto assicurazione che la norma sarà modificata dal Governo, per salvare le opere prioritarie.

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.