Domenica 2 settembre siti archeologici e musei gratis in tutta la Sicilia. Ecco dove | ilSicilia.it :ilSicilia.it

L'elenco provincia per provincia

Domenica 2 settembre siti archeologici e musei gratis in tutta la Sicilia. Ecco dove

di
30 Agosto 2018

Domenica 2 settembre è possibile accedere gratis nei musei e nelle aree archeologiche di tutta Italia. Nonostante il ministro dei Beni culturali abbia revocato la “Domenica gratuita al museo” in questo mese di settembre è ancora in vigore il precedente decreto ministeriale.

Anche la Sicilia aderisce a #DomenicalMuseo. Sono numerosi tra musei, siti archeologici e monumenti, quelli che resteranno aperti per accogliere cittadini e turisti per una giornata dedicata alla scoperta del patrimonio culturale.

E dunque, domenica musei, aree archeologiche, gallerie, scavi archeologici, parchi e giardini monumentali saranno visitabili gratuitamente, in applicazione del decreto, che stabilisce che ogni prima domenica del mese non si pagherà il biglietto. In Sicilia il decreto riguarda anche i musei e le aree regionali.

Di seguito ecco l’elenco di musei e aree archeologiche della Sicilia in cui si potrà entrare gratis. Telefonare preventivamente è consigliato anche per conoscere gli orari di apertura dei siti.

Ecco l’elenco ministeriale dei siti gratuiti:

AGRIGENTO

Casa di Pirandello
Strada Statale 115 – Agrigento
Orario: Domenica e festivi dalle 9,00 alle 13,30. Prima domenica del mese ingresso gratuito.

CALTANISSETTA

Museo archeologico regionale di Gela
Corso Vittorio Emanuele, 1, – Gela
Orario: CHIUSO I FESTIVI tranne la prima domenica di ogni mese con ingresso libero.

CATANIA

Museo regionale della ceramica di Caltagirone
Via Roma – Caltagirone
Orario: La domenica e festivi dalle 10.00 alle 18.30.

Teatro Romano e Odeon di Catania
via Vittorio Emanuele, 266 – Catania. Orario: La domenica dalle 9 alle 17.

ENNA

Area archeologica della Villa Romana del Casale a Piazza Armerina
Contrada Casale – Piazza Armerina
Orario: Tutti i giorni, festivi compresi, la biglietteria rimarrà aperta dalle ore 9,00 alle ore 18,00,. L’ingresso è libero ogni prima domenica di ogni mese; Orario biglietteria: il cancello sarà chiuso alle ore 19,00;

MESSINA

Museo archeologico regionale eoliano “Luigi Bernabò Brea”
Via del Castello, 2 – Lipari
Orario: Domenica e Festivi: dalle 9,00 alle 13,30.

Museo regionale interdisciplinare di Messina
Viale della Libertà, 465, – Messina
Orario: Domenica e festivi 9.00-13.00.

Castello di Milazzo
Salita Castello – Milazzo
Orario: 08:30–13:30, 16:30–18:30.

PALERMO

Castello della Cuba e necropoli punica
Corso Calatafimi, 100
Orario:  Prima domenica del mese ingresso gratuito ore 9,00-13,30 (ultimo ingresso 13,00).

Chiostro di San Giovanni degli Eremiti
Via dei Benedettini 20 Tel. : 0917071425 – 0916515019. Orario:  domenica e festivi 9,00-13,30 (ultimo ingresso 13,00).

Galleria regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis
Via Alloro 4 Tel. : 0916230011. Orario: domenica e festivi 9.00-13.00.

Area archeologica monumentale di Castello a Mare
Via Crispi – Palermo.
Orario: Da martedì a sabato 9.30 – 17.30, domeniche e festivi 9,30 – 13,30. Lunedì chiusura. La biglietteria chiude un’ora prima dell’uscita. Prima domenica del mese ingresso gratuito.

Museo internazionale delle marionette “A. Pasqualino”
Piazzetta Antonio Pasqualino, 5
Orario: domenica e lunedì dalle 10.00 alle 14.00.

Museo regionale Palazzo Mirto
Via Merlo 2 Tel. : e fax 0916164751; tel 0916167541. Orario: domenica e festivi 9,00 – 13,00.

Museo regionale d’arte moderna e contemporanea – Palazzo Belmonte Riso
Corso Vittorio Emanuele
Orario: Martedì, mercoledì e domenica ore 10,00-20,00. La biglietteria chiude 30 minuti prima.

Chiostro Santa Maria la Nuova di Monreale (Duomo)
e monastero dei benedettini
Piazza Guglielmo il Buono (Monreale) Tel. : 091 7071425 – 0916404403. Orari d’ingresso: domenica e festivi 9,00-13,30 (ultimo ingresso 13,00).

Area archeologica Monte Jato
Contrada Perciata – San Cipirello Tel. : 091 8577943.  9,30 – 13,30.

Area archeologica e Antiquarium di Solunto
Via Collegio Romano – Santa Flavia Tel. : 3387845140. Orario: 9,30 – 13,30.

Area archeologica e Antiquarium di Himera
Contrada Buonfornello – Termini Imerese
Orario: 9,30 – 13,30. la biglietteria chiude un’ora prima dell’uscita.

Museo regionale di storia naturale e mostra permanente del carretto siciliano
Lungomare Peppino Impastato – Terrasini
Orario: da martedì a domenica dalle 09:00 alle 19:00.

Sul sito del Ministero non sono riportati i musei e le aree archeologiche delle province di Ragusa, Siracusa e Trapani. 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.