De Zerbi vs. Donadoni, match infuocato al Dall'Ara. Il mister: "con il Bologna partita delicata, dobbiamo fare punti" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Concluso il ritiro a Coccaglio i rosanero in campo al Dall'Ara

De Zerbi vs. Donadoni, match infuocato al Dall’Ara. Il mister: “con il Bologna partita delicata, dobbiamo fare punti”

di
19 Novembre 2016

Non ci saranno sconti o cali tensione per il Palermo che domani scende in campo al Dall’Ara di Bologna. L’allenatore del team felsineo ha avvisato la sua squadra, la classifica non si guarda. Per Roberto Donadoni “il Palermo non sarà un cliente facile”. Vista dalla prospettiva rossoblù, il match di domani potrebbe essere una svolta: “Le prossime partite possono voler dire tanto per noi, bisogna affrontarle una alla volta e – continua Donadoni – sappiamo che domani arriva un Palermo che se vuole tornare a casa con una classifica competitiva in ottica salvezza, deve cercare di fare risultato. Sappiamo di affrontare un avversario tosto e difficile, a detta di tutti si tratta di una squadra che ha sempre cercato di giocare a calcio e di ottenere il risultato attraverso il gioco”. Anche in casa rosanero la vigilia della partita fa registrare un picco nella concentrazione. Non è l’ultima spiaggia ma poco manca.  Il match è delicato  anche perché i felsinei sono in crisi di risultati ( i rossoblù non vincono da sette giornate) ma hanno un consistente vantaggio di sette punti in classifica sui rosanero. E’ stata la settimana dal ritiro a Coccaglio, giorni spesi per trovare la concentrazione giusta ma anche per ricevere il sostegno del primo cittadino Leoluca Orlando, che ha fatto visita alla squadra e ha incontrato il presidente Zamparini. Magari cercando di capire quale possa essere il futuro per il club di Viale del Fante. Alla vigilia della partita contro il Bologna, tocca a mister De Zerbi tracciare la rotta. l”La squadra allenata da Donadoni non sta passando un periodo bellissimo, ma il Bologna è forte, ha fatto risultati importanti. Noi veniamo da un periodo brutto, negativo e vogliamo tornare a fare punti – spiega De Zerbi in conferenza stampa -. Siamo tutti condizionati dai risultati che per adesso ci stanno dando torto, vuol dire che non abbiamo fatto abbastanza per raggiungere i nostri obiettivi e dobbiamo dare di più”. Periodo poco fortunato anche per i vari infortuni. “Ci sono calciatori importanti per carisma, qualità e caratteristiche tra questi infortunati. Ma è così, succede anche nelle altre squadre”. Sul piano dell’impegno il tecnico rosanero ha poco da rimproverare ai suoi ragazzi. “La squadra sta sempre sul pezzo, bisogna essere concentrati e convinti pensando a dove siamo e alla categoria che stiamo affrontando. Il mercato? Adesso non è un problema nostro”. Il problema di ora si chiama classifica oltre che Bologna. “Dobbiamo lavorare ancora di piu’ sui dettagli, in maniera attenta. Non serve stravolgere nulla dal mio punto di vista”. “Loro hanno calciatori importanti, da Krejci a Dzemaili e Taider. E dietro hanno tanta esperienza”, aggiunge De Zerbi sugli avversari di domani prima di tornare a parlare del suo Palermo che potrebbe lanciare dal primo minuto il baby Lo Faso oltre che l’ex Diamanti. Infine una battuta sul presidente Zamparini che gli ha più volte ribadito la fiducia. “Con me è sempre stato perfetto, abbiamo un bel rapporto. Sono contento che sia stato qui, mi lascia com’è giusto che sia piena autonomia nelle scelte. Abbiamo parlato tanto di calcio”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“È arrivato Zampanò!”

Non posso non constatare che da qualche anno si è dichiarato guerra alla strada. Io sono cresciuto per strada, ho giocato sui marciapiedi, e a pallone per strada perché di certo non sapevo che cosa fosse un campo in erba...
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.