Donna di Gela morì dopo il vaccino, i legali si oppongono all'archiviazione :ilSicilia.it

IL FATTO

Donna di Gela morì dopo il vaccino, i legali si oppongono all’archiviazione

di
8 Giugno 2021

I legali della donna morta a Gela dopo avere avuto somministrato il vaccino AstraZeneca hanno presentato opposizione alla richiesta di archiviazione dell’inchiesta avanzata dalla locale Procura.

E’ stato accertato dall’esame autoptico – affermano i legali della famiglia, gli avvocati Antonio Cozza e Valerio Messina – che la nostra assistita, un’insegnante trentasettenne, in perfetta salute, e’ morta, dopo giorni di agonia, per trombosi polidistrettuale originata dalla somministrazione del vaccino AstraZeneca, in relazione al quale l’Ema il 29 gennaio 2021 aveva approvato la commercializzazione in Europa. Nessuno l’aveva informata che questa poteva essere una delle ‘reazioni avverse’ della pratica vaccinale; solo successivamente al suo tragico decesso la nota informativa del farmaco Vaxzevria e’ stata integrata, inserendo la formazione di coaguli di sangue quali possibili effetti collaterali della inoculazione del vaccino, ancorche’ rari. Eppure – aggiungono i penalisti – gia’ all’epoca erano state segnalate reazione avverse in Europa e vi erano gia’ alcuni studi che ponevano in correlazione l’adenovirus (vettore virale) con la trombocitopenia. La donna aveva dunque diritto ad essere informata congruamente sui rischi che avrebbe corso, tanto piu’ che, gia’ all’epoca, numerosi Paesi avevano temporaneamente escluso, o raccomandato di evitare, la somministrazione di quel vaccino. E’ di pochi giorni fa la notizia – sottolineano i penalisti – di un’altra ragazza, l’ennesima, che ha avuto una reazione analoga a quella di Zelia dopo essersi sottoposta al vaccino AstraZeneca, che versa ora in condizioni disperate. E’ giunto dunque il momento che la scienza si interroghi seriamente sui rischi a breve, ma anche a medio e lungo termine, legati alla somministrazione di tale tipologia di vaccino, per scongiurare – chiosano i due avvocati – quanto piu’ possibile e nei limiti di quanto scientificamente accertabile, che altre giovani vite vengano spezzate”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro