Donna assassinata al cimitero, ad ammazzarla sarebbe stato il figlio | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Catania

la polizia ha arrestato l'uomo

Donna assassinata al cimitero, ad ammazzarla sarebbe stato il figlio

di
31 Maggio 2017

Svolta nelle indagini sull’uccisione di Maria Concetta Velardi, 59 anni, assassinata il 7 gennaio del 2014 nel cimitero di Catania, dove si era recata per una visita alla tomba di famiglia: la polizia di Stato ha arrestato il figlio Angelo Fabio Matà per omicidio aggravato.

Nei suoi confronti la squadra mobile ha eseguito un’ordinanza del Gip. Ad accusarlo il suo Dna, trovato sulle tracce biologiche rilevate sul luogo del delitto.

Rilevante è stato, infatti, il contributo fornito alle indagini dalla Polizia Scientifica, proprio attraverso l’analisi del Dna. Il movente sarebbe da ricondurre a dissidi familiari tra madre e figlio.

Angelo Fabio Matà avrebbe ucciso la madre, Maria Concetta Velardi, al culmine di una lite nel cimitero. L’uomo avrebbe a lungo covato rancore nei suoi confronti perché la riteneva di ostacolo alla realizzazione di progetti di vita personale. L’avrebbe dapprima colpita più volte con un grosso mattone alla nuca. Per non essere visto ne avrebbe poi trascinato il corpo in un corridoio tra le cappelle e le avrebbe ripetutamente scagliato contro un grosso masso di pietra lavica. La donna sarebbe morta dopo 40/45 minuti di agonia. I particolari sono stati resi noti durante un incontro con i giornalisti nella Questura di Catania.

Secondo la ricostruzione della Polizia di Stato l’omicidio di Maria Concetta Velardi è avvenuto tra le 15.30 e le 15.45 e il figlio per quell’ora si sarebbe trovato nel cimitero. Testimoni inoltre hanno raccontato di aver sentito le urla di una lite. A compiere il delitto inoltre sarebbe stata una persona con una notevole forza fisica. Dopo aver ucciso la madre Matà avrebbe messo in piedi una messinscena per crearsi un alibi: avrebbe preso l’auto e fatto un giro passando, senza un motivo, da un meccanico e da un bar. Poi sarebbe ritornato ed avrebbe ‘scoperto’ il cadavere della madre. Matà inoltre, secondo quanto accertato, non lasciava mai sola la madre e le telefonava molto spesso, cosa che qual giorno non avrebbe fatto neanche una volta, hanno sottolineato gli investigatori, che hanno inoltre accertato da un controllo delle celle telefoniche che dopo l’omicidio l’uomo ha portato con sé il telefono cellulare della madre.

A dare l’allarme è stata una donna, alla quale l’uomo ha chiesto aiuto, che ha chiamato il 118 usando il telefono dell’uomo, sporco di sangue. Secondo quanto accertato dalla Polizia Scientifica di Palermo e Catania, la donna ha graffiato con la mano destra il figlio, fatto dimostrato sia dalla presenza di materiale genetico riconducibile a Matà sotto due unghie della mano destra della vittima, sia dalla presenza di sangue dell’indagato, misto a quello della madre, sugli abiti e sullo sportello dell’autovettura dell’uomo. Sul dorso della donna sono state trovate ferite causate dal trascinamento del corpo. Sulla scena del delitto gli investigatori hanno trovato un centinaio di oggetti che hanno evidenziato la sola presenza, vicino alla cappella di famiglia, della donna e del figlio, oltre alle due grosse pietre usate per uccidere la donna, del peso rispettivamente di 23 e 18 chilogrammi. Inoltre sono state trovate tracce di sangue della donna vicino la maniglia della portiera posteriore destra dell’auto del figlio.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.