"Don't touch me", Capaci celebra la giornata contro la violenza sulle donne :ilSicilia.it

Appuntamento il 25 novembre

“Don’t touch me”, Capaci celebra la giornata contro la violenza sulle donne

22 Novembre 2019

Il claim è eloquente: ‘Don’t touch me!‘, ed è stato scelto per lanciare il convegno che si svolgerà il 25 novembre a Capaci, a partire dalle 9 in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne. L’evento segna il debutto dell’associazione ‘Humana Iura onlus’ di Terrasini di cui fanno parte Alessandra Polizzi, Maria Grazia Bommarito, Mariella Salvia, Mario Caruso, Carla Garamella e la presidente Stefania Billante.

Prenderanno parte al convegno, che sarà aperto dai saluti del sindaco di Capaci, Pietro Puccio, il capo della Dia di Catania Carmine Mosca, gli avvocati Fabio Bognanni e Giovanni Immordino, il regista teatrale Vincenzo Pirrotta, la psicologa Angela Cascio Fundarò, il pedagogista Mario Caruso ed Eleonora Rappa dell’Aiccre. A moderare il dibattito sarà Roberto Conigliaro.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.