"Don't touch me", Capaci celebra la giornata contro la violenza sulle donne :ilSicilia.it

Appuntamento il 25 novembre

“Don’t touch me”, Capaci celebra la giornata contro la violenza sulle donne

22 Novembre 2019

Il claim è eloquente: ‘Don’t touch me!‘, ed è stato scelto per lanciare il convegno che si svolgerà il 25 novembre a Capaci, a partire dalle 9 in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne. L’evento segna il debutto dell’associazione ‘Humana Iura onlus’ di Terrasini di cui fanno parte Alessandra Polizzi, Maria Grazia Bommarito, Mariella Salvia, Mario Caruso, Carla Garamella e la presidente Stefania Billante.

Prenderanno parte al convegno, che sarà aperto dai saluti del sindaco di Capaci, Pietro Puccio, il capo della Dia di Catania Carmine Mosca, gli avvocati Fabio Bognanni e Giovanni Immordino, il regista teatrale Vincenzo Pirrotta, la psicologa Angela Cascio Fundarò, il pedagogista Mario Caruso ed Eleonora Rappa dell’Aiccre. A moderare il dibattito sarà Roberto Conigliaro.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona