Dopo cinque anni di inattività riapre il "museo Pitrè" a Palermo :ilSicilia.it
Palermo

rassegna "Accendiamo una luce al Museo Pitrè"

Dopo cinque anni di inattività riapre il “museo Pitrè” a Palermo

di
21 Dicembre 2020

Con la scopertura di un busto di Giuseppe Pitrè da parte del sindaco Leoluca Orlando, dell’Assessore Mario Zito e della Direttrice Eliana Calandra oggi pomeriggio è tornato in attività dopo cinque anni il “Museo Pitrè” a conclusione dei lavori di completa riorganizzazione dell’allestimento.

La riapertura del Museo Etnografico Siciliano – tuttavia ancora non aperto al pubblico – è stata fatta in occasione dell’anniversario dalla nascita di Giuseppe Pitrè, avvenuta nel 1841 in un’umile casa del quartiere del Borgo Vecchio.

Da domani prenderà avvio la rassegna “Accendiamo una luce al Museo Pitrè“, performances in streaming ispirate alle tradizioni popolari, che saranno trasmesse direttamente dalle sale del museo.

Un museo, contrariamente a quanto si potrebbe pensare – ha detto il sindaco Leoluca Orlando -, non è un luogo in cui un patrimonio viene chiuso e soltanto custodito, ma un luogo che vive, coltiva sapere e cultura“.

Ancor di più un museo come il Pitrè che custodisce certamente ma ancor di più racconta la nostra storia, la nostra vita fatta di piccoli e grandi oggetti, abiti nobiliari e semplici vesti contadine, giocattoli di bambini e attrezzi da lavoro” ha aggiunto il sindaco di Palermo.

“In questo lungo periodo il Museo Pitrè non si è mai fermato, ma grazie alla passione di chi lo dirige e di chi vi lavora, si è rinnovato, è divenuto un museo moderno pur mantenendo, e non poteva essere altrimenti, ferme le sue radici e la sua missione per valorizzare una straordinaria collezione etno-antropologica che racconta la storia di Palermo e della Sicilia“.

In questo Natale diverso dal solito, in un momento in cui più che mai occorre avere e alimentare la speranza, questa riapertura è comunque un segnale importante, una delle tante luci accese in questi giorni e che ancora una volta conferma come la cultura e le culture sono motore della nostra comunità” ha continuato Orlando.

Aspettiamo pazientemente di poter accogliere anche i visitatori e i turisti in questo ritrovato gioiello del sistema museale cittadino, certi che comunque da subito e nei limiti delle restrizioni contro il Covid, studiosi e ricercatori gioiranno delle possibilità offerte del museo” ha infine concluso il sindaco palermitano.

Il pessimismo pandemico non ci impedisce di accendere luci di speranza in città” ha commentato l’assessore Mario Zito.

Certamente aprire un museo nel momento in cui le visite sono sospese può apparire un paradosso, ma oggi facciamo nostre e traduciamo in azione concreta le innumerevoli istanze di attenzione dei cittadini, degli studiosi e degli studenti, che da oggi potranno tornare a fruire della collezione per i propri studi“, ha puntualizzato Zito.

I musei infatti in realtà in questo momento storico non hanno mai chiuso, ma hanno continuato la propria ricerca storico-critica, la rilettura e la riflessione sulle proprie collezioni e sul ricco materiale in deposito, il dialogo con i visitatori virtuali attraverso attività in streaming” ha continuato l’assessore.

Il Museo Pitrè è vivo ed arricchisce il percorso cittadino demo-etno-antropologico che comprende tante altre istituzioni pubbliche e private” ha affermato Mario Zito.

La rassegna “Accendiamo una luce al Museo Pitrè” inizierà domani con lo spettacolo dell’Opera dei Pupi, a cura della famiglia Agramante, dal titolo “Il Genio, luce di Palermo“.

Seguiranno, per tutto il periodo delle festività natalizie, performances teatrali, concerti di canti tradizionali siciliani, spettacoli nei quali lo stesso Pitrè rivivrà virtualmente nelle sale del suo museo e molto altro ancora.

Il calendario degli eventi con i relativi link per visualizzare gli spettacoli in streaming sarà pubblicato sui canali istituzionali del Comune.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin