Dopo G7, il Comune di Taormina chiede al Ministero di poter tenere le telecamere del sistema di videosorveglianza :ilSicilia.it
Taormina

A Taormina è già stato installato e posto in attività dal 2015 il progetto “Taormina Sicura”

Dopo G7, il Comune di Taormina chiede al Ministero di poter tenere le telecamere del sistema di videosorveglianza

31 Maggio 2017

Il sistema di videosorveglianza del G7 potrebbe rimanere in dotazione alla Città di Taormina. Una richiesta è stata predisposta dal Comune e verrà trasmessa al Ministero dell’Interno per il tramite della Prefettura. Si tratta di 18 telecamere posizionate a Taormina, mentre altre 6 sono state collocate a Giardini Naxos, che è pronta a fare analoga richiesta agli uffici del Ministero. “Quelle telecamere hanno dato un contributo importante al piano di sicurezza che ha visto in campo 10 mila uomini – dichiara il sindaco Eligio Giardina e vorremmo adesso la permanenza di queste moderne strumentazioni ad ulteriore protezione del nostro territorio. Abbiamo avviato le procedure e se sarà necessario mi recherò personalmente a Roma affinché si possa arrivare ad un accordo per il mantenimento delle telecamere nel nostro territorio. Dovremo, in tal caso, poi certamente definire alcuni aspetti visto che sinora erano collegate direttamente alle sale operative gestite dal Ministero dell’Interno e dovrebbe ora essere il nostro Comune a trovare una soluzione logistica e strategica, con la collaborazione delle forze di polizia locali”.

Eligio Giardina (sindaco di Taormina)

A Taormina è già stato installato e posto in attività dal 2015 il progetto “Taormina Sicura” finanziato al Comune nella passata legislatura, comprensivo di 25 telecamere dislocate in diverse aree della città e rese operative al fine di ottimizzare ulteriormente i livelli di sicurezza, già alti, in un territorio dove Polizia di Stato, Carabinieri e Guardia di Finanza si adoperano in modo efficace ogni giorno a tutela della serenità dei cittadini. A quelle 25 telecamere già presenti in paese si aggiungerebbero adesso, in caso di nulla osta da Roma, quelle appena installate per il G7.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.