Dopo la pandemia non sarà mai come prima :ilSicilia.it

UNA RIFLESSIONE SU QUESTA EMERGENZA CORONAVIRUS

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

di
16 Maggio 2020

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga.

Abbiamo un’occasione unica, quella di ripartire dalla crisi per costruire un nuovo progetto sociale ed economico. Per questo adesso è il tempo di fermarsi a riflettere, per capire cosa è successo e per immaginare cosa può succedere.

Albert Camus ha scritto: «Ciò che è vero per tutti i mali del pianeta è vero anche per la peste. Aiuta gli uomini a elevarsi al di sopra di se stessi».

E gli italiani lo hanno fatto e sono stati una vera sorpresa: nel paese dell’individualismo e dell’indisciplina, la stragrande maggioranza dei cittadini ha dimostrato rispetto delle regole del lockdown e grande tolleranza dei disagi.

Si è, anche, percepito nel Paese un sentimento di coesione sociale e solidarietà del tutto nuovo, che la leadership ha il dovere di rafforzare indicando con chiarezza gli sforzi collettivi da sostenere e gli obiettivi da raggiungere, per uscire dalla crisi.

L’esperienza del distanziamento sociale può farci immaginare città con meno auto e più spazio per le persone, città policentriche a misura di passeggiata, che valorizzino i quartieri periferici dove poter svolgere la maggior parte delle funzioni senza dover  ricorrere all’uso dell’automobile.

Il modello dello smartworking  deve continuare ad essere utilizzato ed esteso, per ridurre i veicoli per le strade delle città, e per recuperare tempo libero da dedicare a sé  stessi.

La Pubblica Amministrazione che non sempre ha mostrato di essere all’altezza, dovrà imparare da questa esperienza ad affrontare la sfida digitale del futuro.

Si è compresa l’importanza di investire nella Sanità pubblica, perché continui a garantire a tutti il diritto di essere curati al meglio, sia al Nord che al Sud del paese, e che valorizzi i propri medici, fino a ieri protagonisti solo di episodi di “malasanità” ed oggi invece “eroi”.

E a proposito di altri “eroi”, i riders , lavoratori precari e senza garanzie, che in questi mesi hanno portato cibo e merci nelle nostre case, ricordiamo altri lavoratori precari e senza garanzie, che sono rimasti a casa senza alcun salario. Ad ogni lavoratore precario od autonomo dovrà essere garantita in futuro una protezione per i momenti di crisi, grazie a nuovi strumenti di tutela economica.

Infine, il  virus ha dimostrato non avere confini, barriere nazionali. È stato il più grande schiaffo alle ragioni del sovranismo. Ha messo in crisi gli egoismi delle nazioni europee che hanno compreso tardi che la crisi avrebbe colpito tutti. Come nella “livella” di Totò, ha colpito potenti e umili, ricchi e poveri, senza nessun riguardo o distinzione.

Ed è grazie a questo piccolo, invisibile nemico, che forse riusciremo a capire, sia i potenti della Terra che i comuni cittadini, che abitiamo tutti lo stesso spazio e viviamo tutti lo stesso tempo, e che le difficile sfide che ci aspettano si vincono solo comprendendolo.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco