Dopo le scorpacciate festive, una "Torta di semolino agli agrumi" [La ricetta] :ilSicilia.it

Una bontà poco calorica

Dopo le scorpacciate festive, una “Torta di semolino agli agrumi” [La ricetta]

di
15 Gennaio 2019

Vi chiederete perché in un periodo in cui, dopo le scorpacciate natalizie, capodannesche e befanesche, si vorrebbe tornare in linea, seguendo una bella dieta drenante, depurante o, chiamiamola col suo vero nome, dimagrante, ci sia qualche diavoletto tentatore che continui a propinarvi torte a cui resistere è davvero impossibile.

Torta di semolino

La risposta è che questa torta di semolino è talmente leggera che può essere mangiata anche da chi è “a regime”, termine dittatoriale che  rende bene l’idea.  I vostri occhi non potranno credere a quanto leggeranno e alla leggerezza che gusteranno. Il sapore, per alcuni, è simile al biancomangiare, ma la consistenza, totalmente, diversa. Siete pronti per questa bontà? Piattino e sottopiatto, che riportano all’epoca dei meravigliosi vinili, presi a Camden Town, a Londra. È il caso di dire, si parte.

Ingredienti:

  • 125 g di semolino
  • 25 g di burro
  • 1/2 litro di latte parzialmente scremato
  • 1 bicchiere di acqua
  • 125 g di zucchero
  • la scorza di un’arancia e di un limone grattugiati
  • vaniglina
  • farina

Procedimento:

  1. In una pentola mettete il latte, il bicchiere d’acqua, il burro, il semolino, lo zucchero, la vaniglina, la scorza grattugiata di un limone e di un’arancia.
  2. Ponetela sul fuoco e mescolate fino a quando la crema si sarà addensata.
  3. Imburrate una pirofila, infarinatela e versatevi la crema.
  4. Ponete in forno per 30/40 minuti a 180°.
  5. Se la amate, potete spolverizzare con cannella.

La vostra torta, appena sfornata, avrà una crosticina che vi sorprenderà con la morbidezza dell’impasto e vi farà fare urletti entusiastici. Non la abbandonerete più, parola nostra.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.