Dopo le scorpacciate festive, una "Torta di semolino agli agrumi" [La ricetta] :ilSicilia.it

Una bontà poco calorica

Dopo le scorpacciate festive, una “Torta di semolino agli agrumi” [La ricetta]

15 Gennaio 2019

Vi chiederete perché in un periodo in cui, dopo le scorpacciate natalizie, capodannesche e befanesche, si vorrebbe tornare in linea, seguendo una bella dieta drenante, depurante o, chiamiamola col suo vero nome, dimagrante, ci sia qualche diavoletto tentatore che continui a propinarvi torte a cui resistere è davvero impossibile.

Torta di semolino

La risposta è che questa torta di semolino è talmente leggera che può essere mangiata anche da chi è “a regime”, termine dittatoriale che  rende bene l’idea.  I vostri occhi non potranno credere a quanto leggeranno e alla leggerezza che gusteranno. Il sapore, per alcuni, è simile al biancomangiare, ma la consistenza, totalmente, diversa. Siete pronti per questa bontà? Piattino e sottopiatto, che riportano all’epoca dei meravigliosi vinili, presi a Camden Town, a Londra. È il caso di dire, si parte.

Ingredienti:

  • 125 g di semolino
  • 25 g di burro
  • 1/2 litro di latte parzialmente scremato
  • 1 bicchiere di acqua
  • 125 g di zucchero
  • la scorza di un’arancia e di un limone grattugiati
  • vaniglina
  • farina

Procedimento:

  1. In una pentola mettete il latte, il bicchiere d’acqua, il burro, il semolino, lo zucchero, la vaniglina, la scorza grattugiata di un limone e di un’arancia.
  2. Ponetela sul fuoco e mescolate fino a quando la crema si sarà addensata.
  3. Imburrate una pirofila, infarinatela e versatevi la crema.
  4. Ponete in forno per 30/40 minuti a 180°.
  5. Se la amate, potete spolverizzare con cannella.

La vostra torta, appena sfornata, avrà una crosticina che vi sorprenderà con la morbidezza dell’impasto e vi farà fare urletti entusiastici. Non la abbandonerete più, parola nostra.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.