Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l'Estate :ilSicilia.it

E' nella natura la necessità di cambiare

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

di
16 Maggio 2022

Carissimi

Dopo tanta primavera, forse troppa primavera, è giusto che giunga l’estate.

Ciò dovrebbe essere naturale per permettere la rivoluzione intorno all’asse terrestre con il conseguente susseguirsi delle stagioni.

Non si può fermare il mondo a proprio piacimento e per proprio interesse, la primavera è una bella stagione, ma c’è chi la soffre fisicamente, per primo io con le mie allergie e intolleranze mi ritrovo ad avere la vitalità di uno straccio, a subire una grande astenia e dopo aver goduto della vista dei germogli vorrei vedere le fioriture.

Si la primavera dalle nostre parti è anomala poiché sono in pochi a godersela, altri la subiscono e come vi dicevo, in molti la soffrono e non possono parlare e in alcuni casi sono costretti a rimanere a casa a volte derisi e goffi, ma credetemi la sofferenza è tanta ed allora è ora che venga l’estate.

Certo, la primavera è bucolica, spinge ad essere poeti, a cavalcare “visioni”, anche se il più delle volte le “visioni” non sono dovute a circostanze atmosferiche e possono essere perpetrate in altre stagioni, basta avere una giusta scorta ed una buona cantina o mantenere contatti con un affidabile fornitore, se poi i sintomi si dovessero manifestare ancora in assenza dei precedenti aiuti o malgrado i suddetti supporti, beh … io una guardatina me la farei dare.

E poi ditemi ……. l’estate! Si farà caldo e anche “Orso grigio scenderà in città per volere Pinguino De’Longhi“, ma quanti non vedono l’ora di spogliarsi dagli orpelli, ma soprattutto dai rivestimenti per mettere in mostra i sacrifici fatti non solo in primavera, ma durante tutto l’anno?

È arrivato il momento che con l’estate, chi era stato messo lontano o al riparo dal sole, si abbronzi e prenda la sua dose di raggi solari, perché in estate è d’obbligo abbronzarsi ed essere più belli, esporre tutta la nostra fisicità, fare tanta attività fisica, frequentare le feste al mare, ritrovare la voglia di godersi la vita, la luce delle lunghe giornate …. e si, farà caldo, ma è un caldo necessario affinché si compia il volere della natura, affinché dopo l’estate giunga l’autunno, l’inverno e le prossime primavere.

Non cristallizziamo il presente, non mitizziamo il passato, l’essere umano nasce per crescere e andare avanti fin quando dovrà congedarsi da questo mondo e quindi tutti siamo utili e nessuno è indispensabile, ognuno farà il suo tempo e avrà le sue stagioni e con il susseguirsi degli anni solo chi non vorrà costruirsi un futuro, illuso che il suo presente possa bastargli, finirà per rimanere disadattato e inascoltato.

Credetemi, c’è gente che è stata portata a credere che non esista più l’estate e che ormai la vita è tutta primavera. Voi mi direte: “ma può essere mai?”

A volte ci innamoriamo di ciò che sentiamo e molto più spesso di ciò che diciamo e vogliamo convincere la gente che il nostro sia “il verbo”, ma io mi chiedo, quale insano pensiero possa fare credere di scegliere una stagione e ipotizzare di poterla rendere eterna?

No, miei cari, come “u suli spunta ppi tutti” (come diceva un pensatore del secolo scorso) le stagioni ci devono essere tutte e per tutti, se vogliamo vivere sani, così come esistono le stagioni della vita che ti portano a dire “ancora non è tempo” e purtroppo anche “non è più tempo” mentre con la nostra lanterna procediamo per capirne qualcosa.

Andremo avanti nella nostra stagione in un mondo che continuerà ad essere naturalmente costruito per buona parte sui nostri errori (se siamo umani e se abbiamo giocato senza barare) e con le gambe pesanti, imprecando per il dolore ad ogni sforzo che faremo per rialzarci, lo faremo e andremo avanti, diffidando di coloro che demonizzano un futuro in loro assenza, di coloro che si arrogano il dovere di giudicare tirando una riga e dicendo, chi predilige questa stagione sta nel giusto, gli altri siete tutti in errore.

È statistico, è umano, i giusti non possono stare tutti da una sola parte, verrà un giorno in cui potremmo scoprire che coloro che per occhio di popolo erano i giusti e gli unti dal Signore, altro non erano che diavoli travestiti. Quante volte è accaduto. Un abbraccio Epruno.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.