Dose da farmaco per la chemio dieci volte più alta la uccise, le motivazioni delle condanne dei medici :ilSicilia.it
Palermo

La vicenda della morte di Valeria Lembo

Dose da farmaco per la chemio dieci volte più alta la uccise, le motivazioni delle condanne dei medici

di
6 Giugno 2020

Un reparto disorganizzato, in cui quasi nessuno aveva la competenza e la cultura medica per curare la povera Valeria Lembo, morta all’età di 34 anni, a Palermo, il 29 dicembre 2011, perché per errore le furono somministrati 90 milligrammi di Vinblastina, un farmaco chemioterapico potente e – in dosi eccessive – killer.

L’infusione di dieci volte superiore a quella prevista, che era di soli 9 milligrammi, fu fatta alla giovane mamma perché un medico specializzando scrisse 90 anziché 9, salvo poi – a cose fatte – cercare di metterci una pezza cancellando lo zero. La seconda sezione della Corte d’appello di Palermo deposita le motivazioni della decisione nel processo cosiddetto “di rinvio” dalla Cassazione, e rimarca il caos totale della divisione di Oncologia del Policlinico di Palermo.

Al centro della vicenda vi sono tre medici, a cui con la sentenza del 27 febbraio 2020 fu ridotta la pena, e un’infermiera professionale, Clotilde Guarnaccia, l’unica assolta, anche se fu lei a somministrare materialmente il potente e terribile medicinale necessario per la cura del linfoma di Hodgkin, la malattia rarissima che aveva colpito la donna, mamma di un bimbo che all’epoca della morte di lei aveva pochi mesi. La Guarnaccia eseguì un ordine, scrivono i giudici, e lo fece dopo essersi resa conto della dose eccessiva e dopo avere chiamato per conferma la dottoressa Laura Di Noto, che lealmente confermò la circostanza.

L’infermiera, dunque, non commise reato. La stessa Di Noto, che ha collaborato pienamente con i magistrati, secondo la Corte manifesta pentimento, “avvertendo evidentemente il peso della propria responsabilità”, scrive il consigliere Pietro Pellegrino, estensore della sentenza.

Lei e il medico specializzando che ordinò la dose dieci volte superiore, Alberto Bongiovanni, erano stati giudicati colpevoli già in Cassazione e per loro doveva essere solo rideterminata la pena. Una riduzione è stata decisa anche per l’ex direttore dell’unità oncologica, Sergio Palmeri. A lui però non vengono date attenuanti. Se Valeria Lembo morì, affermano i giudici, fu per la disorganizzazione e il caos: “Una volta messo al corrente del tragico errore” Palmeri portò avanti “tentativi di prendere tempo e di studiare strategie, non curative (purtroppo di fatto impossibili) della paziente, ma finalizzate alla sua deresponsabilizzazione”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.