Dossier Pendolaria 2018: "Palermo-Agrigento da incubo, treni lumaca in Sicilia" :ilSicilia.it

il report del 2018

Dossier Pendolaria 2018: “Palermo-Agrigento da incubo, treni lumaca in Sicilia”

di
12 Dicembre 2018

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Potenziamento della linea ferrata Siracusa-Ragusa-Gela e realizzazione delle 7 nuove linee tram a Palermo. Sono questi i due interventi prioritari per i pendolari siciliani, inseriti nel rapporto annuale di LegambientePendolaria 2018.

Come ogni anno, all’entrata in vigore dell’orario invernale, Legambiente presenta una prima analisi della situazione del trasporto ferroviario regionale nel nostro Paese. L’obiettivo è di sottolineare l’importanza e l’urgenza di migliorare il trasporto pubblico su ferro, offrendo un’alternativa più competitiva, economica e sostenibile all’automobile. Per i pendolari, sulle 10 linee peggiori d’Italia nulla è cambiato, tra queste la Palermo-Agrigento.

tram“Nella nostra Isola – commenta il presidente di Legambiente Sicilia, Gianfranco Zannasiamo ancora molto indietro. Un dato emerge in particolar modo: nel periodo 2010-2018, in Sicilia sono stati operati tagli ai servizi (-5,6%) e di contro sono aumentate le tariffe (+11,4%), con grave danno per i tanti pendolari che devono anche convivere con un parco mezzi fra i più vecchi d’Italia”.  

La Sicilia infatti è al 4° posto (dietro Basilicata, Puglia e Campania) con un’età media di materiale rotabile di 19,5 anni. I treni con più di 15 anni sono il 58,9%.

Sulla Agrigento-Palermo – si legge nel dossier – “il tempo di percorrenza è di 1 ora e 55 minuti (per il treno più veloce), la velocità media di 67 km/h, e sono 12 le coppie di treni che quotidianamente percorrono la linea lunga 137 km ed elettrificata dagli anni 90. Malgrado la domanda di spostamento tra le due città sia molto rilevante, solo una percentuale bassa si sposta in treno e la ragione sta nel fatto che i treni sono pochi rispetto alla capacità della linea e risultano molto spesso in ritardo, specialmente nelle giornate di pioggia quando in molte stazioni si allagano i binari e si verificano frane”.

Tram in via Roma - rendering
Tram in via Roma – rendering

“Fra le incompiute aggiunge Zanna – l’elettrificazione ed il potenziamento della linea Siracusa-Ragusa-Gela, del cui progetto, che risale al 2006, non si hanno più notizie, ed il completamento del progetto linee tranviarie a Palermo, alcune finanziate e che vedranno luce entro il 2022. Per altre 3 linee si sa solo che i tempi saranno più lunghi ed ancora non si conosce una data. Ancora una volta ci ritroviamo a dovere sottolineare occasioni perdute, sprechi di tempo e di denaro, dove a farne le spese siamo sempre noi cittadini ai quali viene impedita la libertà di circolare in treno”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.