15 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 08.40

il report del 2018

Dossier Pendolaria 2018: “Palermo-Agrigento da incubo, treni lumaca in Sicilia”

12 Dicembre 2018
'
'
'

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Potenziamento della linea ferrata Siracusa-Ragusa-Gela e realizzazione delle 7 nuove linee tram a Palermo. Sono questi i due interventi prioritari per i pendolari siciliani, inseriti nel rapporto annuale di LegambientePendolaria 2018.

Come ogni anno, all’entrata in vigore dell’orario invernale, Legambiente presenta una prima analisi della situazione del trasporto ferroviario regionale nel nostro Paese. L’obiettivo è di sottolineare l’importanza e l’urgenza di migliorare il trasporto pubblico su ferro, offrendo un’alternativa più competitiva, economica e sostenibile all’automobile. Per i pendolari, sulle 10 linee peggiori d’Italia nulla è cambiato, tra queste la Palermo-Agrigento.

tram“Nella nostra Isola – commenta il presidente di Legambiente Sicilia, Gianfranco Zannasiamo ancora molto indietro. Un dato emerge in particolar modo: nel periodo 2010-2018, in Sicilia sono stati operati tagli ai servizi (-5,6%) e di contro sono aumentate le tariffe (+11,4%), con grave danno per i tanti pendolari che devono anche convivere con un parco mezzi fra i più vecchi d’Italia”.  

La Sicilia infatti è al 4° posto (dietro Basilicata, Puglia e Campania) con un’età media di materiale rotabile di 19,5 anni. I treni con più di 15 anni sono il 58,9%.

Sulla Agrigento-Palermo – si legge nel dossier – “il tempo di percorrenza è di 1 ora e 55 minuti (per il treno più veloce), la velocità media di 67 km/h, e sono 12 le coppie di treni che quotidianamente percorrono la linea lunga 137 km ed elettrificata dagli anni 90. Malgrado la domanda di spostamento tra le due città sia molto rilevante, solo una percentuale bassa si sposta in treno e la ragione sta nel fatto che i treni sono pochi rispetto alla capacità della linea e risultano molto spesso in ritardo, specialmente nelle giornate di pioggia quando in molte stazioni si allagano i binari e si verificano frane”.

Tram in via Roma - rendering
Tram in via Roma – rendering

“Fra le incompiute aggiunge Zanna – l’elettrificazione ed il potenziamento della linea Siracusa-Ragusa-Gela, del cui progetto, che risale al 2006, non si hanno più notizie, ed il completamento del progetto linee tranviarie a Palermo, alcune finanziate e che vedranno luce entro il 2022. Per altre 3 linee si sa solo che i tempi saranno più lunghi ed ancora non si conosce una data. Ancora una volta ci ritroviamo a dovere sottolineare occasioni perdute, sprechi di tempo e di denaro, dove a farne le spese siamo sempre noi cittadini ai quali viene impedita la libertà di circolare in treno”.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.