24 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.22

Dottore Posso?

19 Luglio 2018

Dottore Posso? “Mi puozzu assittari?” Grazie. Mi scuserà se anche quest’anno non sarò chi vuole “per non dimenticare”. Mi scuserà se non metterò magliette pre-determinate di alcun colore. Mi scuserà se non marcerò dietro alcuno striscione e non canterò inni, non farò discorsi, non indosserò fasce, non canterò a mia volta e non le dedicherò alcuno spettacolo.

Mi scuserà se non celebrerò riti o parteciperò a mia volta a funzioni politiche o addirittura mediatico-televisive, non mi sento degno di utilizzare un dolore familiare altrui per tentare di espiare miei dolori.

Rimarrò lì, in fondo, con gli occhiali scuri a pregare, come è da prassi in chiesa, lontano per rispetto dai parenti e dalla gente cara, perché mai e poi mai potrò eguagliare il dolore di chi perde una persona amata.
Rispetterò come sempre la dignità che richiede un momento come questo.

Non starò con chi “per non dimenticare” organizzerà qualcosa, poiché con tutto il rispetto per loro e per chi lavora per loro, io non ho bisogno di “per non dimenticare” perché io non ho dimenticato e soprattutto non dimentico, ma ogni anno cerco d’imparare dal Suo sacrificio, pur non potendo ancora cogliere in pieno il motivo della malvagità che ha potuto portare a quanto accadde quel giorno.

Ogni qual volta guardo quella Vs foto sorridenti che molti anche i più indegni mettono sotto vetro nelle loro stanze quasi a certificare la loro onestà e pulizia, mi chiedo non il perché, perché le motivazioni sono palesi, ma il perché l’essere umano sia arrivato a concepire stragi di tale ferocia, tali momenti che non possiamo nemmeno chiamare “animali”.

Quando riguardo quella foto penso a cosa si sarebbe potuto fare dopo il primo luttuoso evento affinché non accadesse il secondo, poiché seppur il primo poteva giungere inaspettato (ai pochi), il secondo in maniera rassegnata lo aspettavano tutti, per primo Lei che aveva capito e io non potrò mai dimenticare quegli occhi, ecco perché la mia rabbia mi porterà sempre a non aver bisogno di “per non dimenticare”.

A volte sembrerebbe quasi che ci sia sempre qualcuno che una volta impossessatosi dei “simboli del martirio” tracci una linea immaginaria tra i buoni e i cattivi in questa terra e abbia il privilegio essendo giunto per primo di decidere chi sono i giusti e i cattivi, in nome di, ma chi mi assicura che costui sia degno e abbia la giusta moralità per giudicare e dividere, la sola circostanza che sia giunto per primo ad afferrare i simboli? La sua capacità oratoria? La sua dote di venditore?

Oggi non lo so se sono anche io stato classificato e da chi, non so da quale parte rispetto la linea sono stato messo, ma da giornate come queste voglio non essere protagonista ma stare in silenzio ad osservare e imparare. Ho imparato che i simboli vengono spesso usati per fare carriera, o per perpetrare vendette politiche. Ho imparato che i simboli aiutano a volte a ricostruire la propria verginità.

Anche quest’anno imparerò qualcosa di più, proprio nei momenti in cui non capisco e vorrei mollare tutto alzandomi da questo tavoli di bari, proprio in uno di quei momenti che Lei ha provato nei quali non ci si può fidare di nessuno, poiché anche i “migliori” vorrebbero ma non posso, per non perdere la “priorità di chiamata”, il posto anche se non necessariamente di privilegio nel carro.

Ho imparato e mi auguro di avere il tempo di imparare ancora che la direzione è giusta non se si è o ci si sente in compagnia, ma soltanto quando si è in pace con la propria coscienza, con il proprio specchio che riflette la nostra faccia, anche quando ci guardiamo attorno e siamo rimasti soli perché gli altri nella migliore delle ipotesi arrancano, quando non sentiremo più un “bravo”, quando ci giungeranno amichevoli suggerimenti ad “avere prudenza”.

Ho imparato attraverso il Suo esempio a fare il mio dovere, qualunque sia la direzione e il consenso intorno a me, ho imparato da quei suoi occhi a non cedere mai all’ipocrisia per ottenere i nostri i fini ed è così con questo mio bagaglio di esperienze che vorrò onorarLa anche quest’anno, da persona normale a persona normale, da anonimo signor nessuno a eroe suo malgrado che avrebbe preferito continuare ad essere un normale padre di famiglia.

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.