Dpcm, D’Agostino: "Rivediamo gli orari di chiusura" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Dpcm, D’Agostino: “Rivediamo gli orari di chiusura”

di
29 Ottobre 2020

“Capiamo la necessità di limitare i contatti, ma serve coerenza. La disciplina ha un senso se può essere compresa dalla gente“. A dichiararlo è Nicola D’Agostino, capogruppo di Italia Viva all’ARS

Con la cautela necessaria e richiesta, con gli accorgimenti e gli investimenti peraltro eseguiti dagli imprenditori, si possono tenere aperti bar, ristoranti, cinema e teatri”. Se gli orari di pranzo sono buoni, possono esserlo anche quelli serali – prosegue -. Certo, capiamo che serve vigilanza e rigore per evitare comportamenti smodati e controproducenti. Anche le scuole devono riaprire, e se il problema è il trasporto pubblico ci si attrezzi con maggiori bus e pullman. Il messaggio è rivolto al governo nazionale ma anche a quello regionale, ognuno per le sue competenze” .

“Ben venga dunque una legge che, facendoci assumere responsabilità, ci rende più autonomi. Il nostro ordine del giorno era rivolto a non perdere di vista tutti gli interessi in ballo e ad affrontare i problemi con intelligenza e maturità“, conclude D’Agostino.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin