Dpcm, D’Agostino: "Rivediamo gli orari di chiusura" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Dpcm, D’Agostino: “Rivediamo gli orari di chiusura”

di
29 Ottobre 2020

“Capiamo la necessità di limitare i contatti, ma serve coerenza. La disciplina ha un senso se può essere compresa dalla gente“. A dichiararlo è Nicola D’Agostino, capogruppo di Italia Viva all’ARS

Con la cautela necessaria e richiesta, con gli accorgimenti e gli investimenti peraltro eseguiti dagli imprenditori, si possono tenere aperti bar, ristoranti, cinema e teatri”. Se gli orari di pranzo sono buoni, possono esserlo anche quelli serali – prosegue -. Certo, capiamo che serve vigilanza e rigore per evitare comportamenti smodati e controproducenti. Anche le scuole devono riaprire, e se il problema è il trasporto pubblico ci si attrezzi con maggiori bus e pullman. Il messaggio è rivolto al governo nazionale ma anche a quello regionale, ognuno per le sue competenze” .

“Ben venga dunque una legge che, facendoci assumere responsabilità, ci rende più autonomi. Il nostro ordine del giorno era rivolto a non perdere di vista tutti gli interessi in ballo e ad affrontare i problemi con intelligenza e maturità“, conclude D’Agostino.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin