Dpcm, monta la protesta a Palermo: scendono in piazza i tassisti, nuova manifestazione prevista in settimana | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

PROSSIMA AGITAZIONE MERCOLEDì 28 OTTOBRE

Dpcm, monta la protesta a Palermo: scendono in piazza i tassisti, nuova manifestazione prevista in settimana | VIDEO

di
25 Ottobre 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Dopo l’annuncio del nuovo DPCM del premier Giuseppe Conte, continuano le proteste di piazza a Palermo.

Dopo i ristoratori, sono dunque i tassisti a far sentire la propria voce. Diverse decine di mezzi, a clacson sparati, hanno girato intorno a Palazzo d’Orleans, con un centinaio di persone presenti ad intonare slogan per chiedere aiuto da parte delle istituzioni.

Gli scioperanti, senza troppi fronzoli, hanno dimostrato il proprio disappunto per la situazione creata dalle ordinanze e dai DPCM sull’emergenza coronavirus.

Inoltre, attraverso una catena lanciata sui canali social, imprenditori e lavoratori di diverse categorie si sono dati appuntamento per una nuova manifestazione. L’evento in un primo momento previsto per questa sera, è stato spostato a mercoledì 28 ottobre per regolarizzare la protesta.

Intanto, il governatore Nello Musumeci ha chiesto al Governo nazionale risorse per le categorie colpite.

 

LEGGI ANCHE:

Dpcm, Musumeci: “Roma pensi al ristoro delle attività economiche”

Bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre, teatri, cinema e banchetti: il nuovo Dpcm

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin