Dramma nel quartiere Zen di Palermo, un bambino muore soffocato da un'oliva :ilSicilia.it
Palermo

Il piccolo sarebbe riuscito a prendere l'oliva da una ciotola senza essere visto

Dramma nel quartiere Zen di Palermo, un bambino muore soffocato da un’oliva

di
27 Maggio 2017

Un bambino di un anno è morto soffocato per aver mangiato un’oliva che gli è rimasta incastrata nella gola. La disgrazia si è consumata ieri sera, in un appartamento di via Rocky Marciano nel quartiere Zen di Palermo. Secondo una prima ricostruzione, il piccolo si sarebbe trovato a tavola in compagnia dei suoi sei fratelli, dei genitori e della nonna. Nella confusione della cena sarebbe riuscito a prendere l’oliva da una ciotola senza che nessuno si accorgesse di nulla.

Poi ha cominciato a tossire, ma né la madre né il padre sarebbero riusciti a fargli espellere l’oliva. Inutile la corsa all’ospedale di Villa Sofia; il medico del Pronto soccorso non ha potuto fare altro che constatare il decesso e il bambino è stato trasferito nella camera mortuaria. La salma sarà restituita ai genitori per celebrare i funerali.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.