Droga: 22 misure cautelari nel Palermitano. Indagini partite da uccisione cavallo CLICCA PER IL VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

IL FATTO

Droga: 22 misure cautelari nel Palermitano. Indagini partite da uccisione cavallo CLICCA PER IL VIDEO

di
20 Gennaio 2022

CLICCA PER IL VIDEO IN ALTO

Due presunte organizzazioni che secondo le indagini gestivano lo spaccio di droga nella zona occidentale del palermitano sono state sgominate dai carabinieri che hanno eseguito un’ordinanza cautelare firmata dal gip nei confronti di 22 persone, accusate di associazione a delinquere finalizzata al traffico, spaccio e detenzione a fini di spaccio di stupefacenti.

L’operazione si e’ svolta tra Carini, Isola delle Femmine, Capaci, Terrasini, Borgetto, Enna e Finale Emilia in provincia di Modena. Dei 22 indagati, otto sono finiti in carcere, 9 agli arresti domiciliari e 5 hanno l’obbligo di presentazione alla pg. Le indagini sono state coordinate dalla Dda. L’attività svolta dai militari della compagnia di Catini è iniziata a luglio 2018, quando qualcuno si è introdotto, in due diverse circostanze, in una stalla nel territorio di Torretta uccidendo un cavallo e ferendone un secondo. Il raid punitivo sarebbe stato originato dai contrasti sorti nel mondo dello spaccio degli stupefacenti.

A gestire il traffico, secondo gli investigatori, c’erano due distinti gruppi criminali, riconducibili ai proprietari dei due cavalli: dall’acquisto, al trasporto, al commercio, fino alla vendita di cocaina, marijuana e hashish nei Comuni di Carini, Isola delle Femmine, Capaci, Cinisi e Terrasini. Durante l’attività di indagine, erano già state arrestate in flagranza di reato altre 12 persone e deferiti in stato di libertà due soggetti per detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Nel corso dell’indagine erano già stati sequestrati circa 3,3 kg di hashish, 0,7 kg di cocaina e 0,6 kg di marijuana, e la somma di 5.330 euro.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.