Droga al Borgo Vecchio a Palermo, ecco i nomi degli arrestati :ilSicilia.it
Palermo

OPERAZIONE PUSH AWAY

Droga al Borgo Vecchio a Palermo, ecco i nomi degli arrestati

28 Settembre 2019

Ecco gli indagati dell’operazione “Push away“, condotta questa notte dalla polizia di stato di Palermo e che ha smantellato un intero sistema di spaccio di droga all’interno del quartiere di Borgo Vecchio.

In carcere sono finiti: Antonio Miceli di 50 anni, Giuseppa Tantillo, 49 anni, Francesco Madonia 40 anni, Domenica Ragusa, 37 anni, Marco Trapani, 28 anni, Giovanni Trapani, 31 anni, Maurizio Fecarotta, 43 anni e Davide Melignano, di 28 anni.

Agli arresti domiciliari: Domenico Lo Negro 28 anni, Giovanni Greco, 31 anni, Luigi Miceli, 40 anni, Lucio Benfante, 40 anni, Guido Benfante, 19 anni, Giuseppe Mangano, 31 anni, Gabriele Guardabasso, 31 anni, Sebastiana Miceli 29 anni, Giovanni Tantillo, 35 anni e Giovanni Tarallo di 22 anni.

Hanno invece l’obbligo di presentarsi alla Polizia Giudiziaria, Marco Lipari 26 anni, Francesco Nucatolo, 28 anni, Fabio Cicchelli, 30 anni, Giuseppina La Barbera, 33 anni e Giovanna Madonia, 37 anni.

Dalle indagini, condotte dalla polizia di stato, si apprende che i primi due livelli dello spaccio erano gestiti da altrettante coppie di insospettabili coniugi del Borgo Vecchio, la prima composta da Antonino Miceli e Giuseppa Tantillo, coadiuvati dalla figlia Sebastiana Miceli, e la seconda formata da Francesco Madonia e dalla moglie Domenica Ragusa, che, a loro volta, facevano partire dai loro appartamenti carichi di hashish e marijuana, il cui terminale era rappresentato dai pusher di piazza Alfano, principale luogo di smercio della droga.

A rifornire i coniugi e, quindi, collocato ad un livello più alto in seno all’organizzazione si poneva Marco Trapani, che faceva anche da tramite con i fornitori. A seguito dell’arresto di Antonino Miceli nel 2018, le redini dello spaccio all’ingrosso sono state assunte dallo stesso Trapani e dal fratello Giovanni, nonché da Maurizio Fecarotta e Davide Melignano, che per l’attività di smercio dello stupefacente si sono avvalsi della solita rete di pusher.

Secondo le indagini, Melignano avrebbe sollecitato la riscossione dei crediti derivanti dalla cessione dello stupefacente ai coniugi Miceli e Tantillo, ai fratelli Trapani e a Maurizio Fecarotta, senza mai parlare direttamente al telefono con i singoli pusher. Altra rigida regola dell’associazione, passibile di “sanzione”, era che lo stupefacente da smerciare fosse stato approvvigionato solo attraverso i canali ufficiali del Borgo Vecchio e che solo dal popoloso quartiere dovesse provenire.

E’ stato inoltre appurato che al trasporto dello stupefacente in più occasioni avrebbe concorso anche Giovanna Madonia ( sorella di Francesco), avvalendosi anche di minorenni appartenenti al suo stesso nucleo familiare.

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.