25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.14
Palermo

le parole del presidente di Antigone Sicilia

Droga all’Ucciardone di Palermo, Apprendi: “Attacchi ingiusti contro la direttrice del carcere”

20 Aprile 2019

“L’episodio del carcere dell’Ucciardone, a Palermo, che ha portato alla scoperta di un telefonino e di cento grammi di hashish in un congelatore, usato dai detenuti in una sezione “aperta”, è certamente da considerare grave perché rivela una certa permeabilità che, inopinatamente, il sindacato Osapp addebita alla ex direttrice Rita Barbera”, inizia così la nota Pino Apprendi, presidente di Antigone Sicilia.

pino-apprendiQuesta – aggiunge – avrebbe fatto diventare il carcere ‘ porto di mare’, definendo la sua gestione , ‘Inadeguata e all’acqua di rose’. Per concludere, infine, che nel carcere dell’Ucciardone ‘Entrano troppi volontari’, volendo, poco velatamente, attribuire a quest’ultimi responsabilità su quanto accaduto”.

“Non è mai troppo il numero dei volontari che entrano in un carcere – prosegue Apprendi – dobbiamo sempre dire grazie al loro impegno in favore dei detenuti e delle loro famiglie”.

“Questa presa di posizione è in contrasto tutte le teorie positive del valore che il volontariato esprime nelle carceri italiane, agevolando, fra l’altro, il lavoro della stessa Polizia Penitenziaria il cui organico, come lo stesso sindacato afferma, è sottodimensionato”.

“La storia scritta Rita Barberaconclude Apprendi   è scritta, ed è inconfutabile il suo ruolo di rispetto dell’articolo 27 della Costituzione, che vede il carcere come un luogo di rieducazione che possa restituire persone alla società con la voglia di riscattarsi”.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.