14 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.15

arrestati tre membri dell'equipaggio

Droga: sequestrato veliero turco con 5,5 tonnellate di hashish nel Canale di Sicilia

18 Maggio 2019

Un carico di 5 tonnellate e mezza di hashish nascosto in un veliero battente bandiera turca è stato sequestrato nel Canale di Sicilia dalla Guardia di Finanza che ha arrestato tre membri dell’equipaggio.

E’ il bilancio dell’operazione Libeccio International condotta dai finanzieri del nucleo di polizia economico finanziaria di Palermo, con il supporto operativo del gruppo aeronavale di Messina e del servizio centrale investigazione criminalità organizzata grazie anche alla collaborazione internazionale con le autorità francesi e turche.

Le indagini dei finanzieri, coordinate dalla procura di Palermo, hanno assestato un duro colpo al narcotraffico internazionale tra l’Africa e la Sicilia.

Al largo dell’isola di Marettimo è stato bloccato il “Solen 1“, un monoalbero di 12 metri battente bandiera turca. L’input è arrivato dalle autorità francesi dell'”Ocrtis-Ceclad” che hanno segnalato la presenza di una imbarcazione a vela, proveniente dalle coste magrebine del golfo di Oran.

Il natante era tra l’altro già oggetto di indagine da parte della “Vigilanza Aduanera” spagnola e della “Douane francaise“.

In meno di due ore, le unità aeree e navali del comando operativo aeronavale di Pratica di Mare, hanno raggiunto l’obiettivo. La “Solen 1” è stata dapprima controllata dall’alto dall’Aereo Atr 42 del Corpo e successivamente “agganciata” da due pattugliatori a circa 96 miglia da Marettimo.

I finanzieri con il mare mosso hanno abbordato il natante prendendone il controllo, dopo aver constatato la presenza dell’ingente carico di stupefacente. L’imbarcazione, con i tre membri dell’equipaggio, è stata successivamente rimorchiata fino al porto di Palermo.

A bordo sono stati trovati 187 colli di iuta contenenti l’hashish, per un totale di 5.474 chili. Le fiamme gialle, dopo aver preso contatti con la procura di Palermo, hanno sequestrato l’imbarcazione, la sostanza stupefacente e la strumentazione di bordo utile alla ricostruzione della rotta seguita.

I militari appartenenti alla sezione Goa del Gico di Palermo hanno arrestato i membri dell’equipaggio, tutti di nazionalità turca, che sono stati successivamente trasferiti in carcere. Lo sostanza stupefacente sequestrata destinata ai consumatori europei, avrebbe potuto fruttare, al dettaglio, circa 50 milioni di euro.

La “Solen 1” è la sesta imbarcazione che viene sequestrata nel Canale di Sicilia dall’estate scorsa.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.