"Duci", i gioielli della designer Martina Ciaccio presentati ai Cantieri Culturali della Zisa a Palermo :ilSicilia.it
Palermo

Appuntamento venerdì 16 novembre

“Duci”, i gioielli della designer Martina Ciaccio presentati ai Cantieri Culturali della Zisa a Palermo

di
13 Novembre 2018

Il 16 novembre 2018, alle ore 18,30, si svolgerà nella sede del Cre.Zi.Plus, ai Cantieri culturali della Zisa (via Paolo Gili, 4 – Palermo), la presentazione della collezione di gioielli Duci, progettati e realizzati dalla designer siciliana Martina Ciaccio.

A sei mesi dall’avvio delle attività di accompagnamento alla creazione di imprese culturali e creative previste dal bando B.Crezi, arrivano i primi importanti risultati del creative community hub Cre.Zi.Plus, un’iniziativa congiunta di Consorzio Arca Clac (Centro Laboratorio Arti Contemporanee), con il supporto di Fondazione con il Sud e del Comune di Palermo.

Il Consorzio Arca nasce da un partenariato tra l’Università degli Studi di Palermo e un gruppo imprenditoriale privato impegnato nel campo della ricerca industriale e del trasferimento tecnologico.

Con la linea di gioielli Duci, incentrata sul motivo dominante del fico d’India, Martina Ciaccio dà vita a uno stile dove la forte identità di luogo si intreccia con la sensibilità contemporanea: il fico d’india, simbolo di immortalità e di forza, si esprime infatti in una linea esclusiva che racchiude in sé eleganza e carattere, raffinatezza delle forme e funzionalità.

Le linee sinuose suggerite dalla vegetazione ispirano tratti essenziali, quasi iconici, impressi in metalli preziosi da eccellenti artigiani orafi, rigorosamente espressione del made in Italy. Tutti i monili, per la loro particolare sobrietà e per la raffinatezza della loro esecuzione, conferiscono classe, personalità e originalità a chi li indossa.

Per questa produzione Martina Ciaccio è stata ammessa al percorso di accompagnamento di imprese culturali e creative B.Crezi, promosso dall’incubatore Cre.Zi.Plus.

Elizabeth Parisi, del Consorzio ARCA, ha affiancato Martina Ciaccio come coach: “Martina è la dimostrazione di come un contesto favorevole ai talenti imprenditoriali e creativi possa fare emergere le eccellenze che sono presenti nel nostro territorio. Ha accettato la sfida e si è messa in gioco, a partire da un consolidato percorso professionale, con grande entusiasmo e voglia di apprendere”.

L’esperienza di Martina Ciaccio conferma l’importanza di far parte di un “ecosistema” imprenditoriale come quello di Cre.Zi. Plus, come sottolinea la designer: “il contesto interdisciplinare le attività formative e il coaching dedicato sono stati il giusto mix che ha permesso di accelerare la maturazione della mia iniziativa. E’ molto importante sentirsi parte di un gruppo di persone che stanno provando a trasformare una passione in impresa con il continuo sostegno di professionisti competenti”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin