Due fortezze, un territorio: alla scoperta del Castello di Taormina e del Castel di Mola :ilSicilia.it
Messina

La storia raccontata da due castelli

Due fortezze, un territorio: alla scoperta del Castello di Taormina e del Castel di Mola

di
2 Agosto 2021

Un castello quasi scomparso, Castel di Mola e un maniero – il Castello di Taormina – ferito ma maestoso che domina l’antica Tauromenion. Le antiche fortezze e il fascino che avvolge la loro storia, raccontano il territorio in una chiave inedita. Se le bellezze di Taormina sono note a tutto il mondo, quelle della vicina Castelmola non sono da meno.

Castelmola

Fra i borghi più belli d’Italia, Castelmola si trova sulla cima di un cocuzzolo a strapiombo sul mar Ionio. Un grande masso che ricorda una “mola”, un dente, da cui deriverebbe la particolare denominazione. Per secoli, il legame con Taormina fu talmente stretto da non poter distinguere le storie dei due territori. Il punto più elevato( i ruderi del castello), si raggiunge salendo per un sentiero, dalla piazza principale del paese, un belvedere sulla costa ionica.

Da vedere, l’Antico Arco greco-romano, l’Auditorium (antica Chiesa di Sant’Antonio), i pozzetti romani di Myle, la Porta dei Saraceni, la Chiesa Madre, la chiesa dell’Annunziata e la chiesa di San Giorgio, patrono del comune. Castelmola è ricca di tradizioni e leggende come “a Truvatura” e quella del ruscello “Sifone” e, negli ultimi anni , è diventata famosa per i suoi “presepi”.

Castelmola, ruderi del Castello

Ma torniamo alla storia del suo castello. Purtroppo, restano solo i ruderi delle poderose mura normanne e non è possibile stabilire con esattezza l’epoca di costruzione. Tuttavia, una dicitura greco bizantina del X° secolo, incisa nella lapide marmorea posta sulla facciata del campanile della Chiesa Madre,  recita: “Questo castello fu costruito sotto Costantino, patrizio e stratega di Sicilia”.

Una collocazione in epoca medioevale che però non convince la maggior parte degli storici concordi con una più antica edificazione nel periodo romano. Per secoli rappresentò l’anello più forte della catena dei castelli di Milazzo, Ficarra, Tripi, Castroreale Castiglione e Francavilla. Lungo la scala di accesso scavata inizialmente nella roccia è stata inserita l’antica Porta di Mola che ne segna l’ingresso principale. Sulla sommità dell’arco la chiave porta inciso l’emblema di Castelmola castello a tre torri e la seguente dicitura: “Castello Fedele a Sua Maestà – Anno 1578”.

Ma cosa lega il Castel di Mola con il Castello di Taormina? Il Castello di Taormina si trova su una rocca del Monte Tauro, a quasi 400 metri di quota. Da qui si poteva controllare la vallata del fiume Alcantara. In età greca e romana, la rocca del Tauro era l’acropoli inferiore di Tauromenion. Quella superiore, si trovava più a nord, presso l’attuale Castelmola.

Il Castello di Taormina veniva indicato come “castrum inferius Tauromenii”, castello inferiore di Taormina. Ciò implica l’esistenza di un “castrum superius”, un castello superiore, cioè il quasi scomparso castello di Castelmola che ha comunque lasciato traccia anche nella denominazione dell’attuale piccolo comune.

Castello di Taormina

Fin da quando il castello è documentato con certezza e in maniera autonoma rispetto al sottostante centro abitato di Taormina e cioè dal XII secolo, in epoca normanna, il castello inferiore di Taormina fu un castrum regii demanii, un castello regio o demaniale, così come demaniale erano la terra Tauromenii (l’attuale comune di Taormina), il castrum superius o castrum Molae e la minuscola terra Molae sottostante il castello superiore.

In entrambi i casi, la storia dei due castelli è una storia di resistenza. Sempre gli ultimi ad arrendersi ai ripetuti attacchi dei diversi invasori, le loro rovine testimoniano lo spirito di un luogo antico, immerso nella bellezza della natura, ricco di cultura anzi di culture che ne hanno plasmato la loro originalità, tutte da scoprire.

Homepage

https://www.comunecastelmola.it/monumenti-storia/il-castello-medievale.html

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin