E allora riapriamo tutto :ilSicilia.it

la provocazione

E allora riapriamo tutto

di
10 Novembre 2020

E allora riapriamo tutto. Parto da questa provocazione (provocazione, si badi: lo sottolineo per chi ha già il polpastrello incandescente che freme sulla tastiera) per commentare le immagini del week end, dalle code per mangiare la frittola a Ballarò a Palermo ai mercatini cittadini fino alle vie del centro storico affollate da chi ha deciso di godersi il sabato e la domenica per andare a fare una passeggiata, incurante dell’affollamento.

Certo, chi è rimasto a casa nelle ultime 48 ore deve essersela passata meglio, non fosse altro perché ha potuto godersi il pranzo nel focolare domestico, o un buon caffè seduto comodamente al tavolo, mentre chi ha optato per l’acquisto al bar ha dovuto obbligatoriamente scegliere l’opzione ‘da asporto‘: non proprio una situazione di relax.

Intanto, però, c’è chi i sacrifici li deve fare per forza. In Sicilia ristoranti, bar e pub stanno cercando di reinventarsi, tra le mille difficoltà delle normative anti-Covid. Hanno dovuto assistere al gioco al ribasso che li ha visti protagonisti loro malgrado: dalla chiusura alle 18, che per certe attività significava già di fatto lockdown – si pensi ai pub – si è passati alle maglie più strette del vestito arancione confezionato per l’Isola dal sarto di Roma.

La salute prima di tutto, ci mancherebbe. La domanda, però, è legittima: perché alcuni esercizi sì ed altri no? Si risponderà che un certo tipo di attività favorisce la convivialità e quindi l’assembramento: certo. Ma allora le scene che abbiamo visto nel week end? Le strade affollate, le code davanti a negozi o frittolari? Che la gente non abbia davvero compreso? Che ci si sia dimenticati delle ambulanze incolonnate? Che ci sia un senso di frustrazione diffuso a tal punto da non vedere quello che succede oggi – non tre mesi fa… oggi… – nelle terapie intensive?

Siamo tutti d’accordo che il momento storico richiama ad assunzioni di responsabilità da parte dei governanti e che, allo stesso tempo, nessuno di questi si era trovato a dover gestire una pandemia così aggressiva e tenace. Ma è proprio sulla parola ‘responsabilità’ che occorrerebbe soffermarsi, vero tabù del ventunesimo secolo.

A chi tocca assumersi le responsabilità di prendere scelte? E quando una scelta implica un sacrificio, a chi spetta il compito di ‘redistribuire’ questo sacrificio tra i vari settori della società? ovviamente alle Istituzioni, certo. Durante la prima ondata, almeno nelle dichiarazioni d’intenti, questa assunzione di responsabilità sembrava esserci stata – anche se i ritardi della cassa integrazione èsono stati sinceramente sinceramente inaccettabili -, mentre sembra che in questa seconda fase ci sia molta confusione: dpcm che si susseguono dall’alba al tramonto, le tante discussioni sulle gradazioni cromatiche delle regioni, i dubbi sulle disposizioni a volte non proprio chiarissime, la diversità di trattamento per i settori produttivi e le relative marce indietro (o relative fughe in avanti).

Servono scelte chiare, comprensibili e coerenti. Lasciare all’ambiguità interpretativa il rispetto delle disposizioni è pericoloso. Detto questo, va dato atto che da qualche parte bisognava pur iniziare, e nessuno ha la bacchetta magica. D’altronde gli stessi siciliani sembrano disorientati rispetto alle misure da intraprendere per limitare i contagi: il recente sondaggio de ilSicilia.it che proponeva una scelta tra il lockdown totale e il lockdown parziale ha avuto un risultato praticamente di parità, a dimostrazione che nemmeno sulle scelte più nette ci siano posizioni predominanti.

Insomma, l’incertezza governa questo momento storico. E di fronte all’incertezza l’unico principio guida da seguire è il principio di precauzione. Quello al quale deve fare riferimento ognuno di noi, secondo coscienza, secondo la propria responsabilità.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin