E io pago! ...a Palermo "rubano l'acqua ma nessuno interviene" | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

LA DENUNCIA DI UN LETTORE

E io pago! …a Palermo “rubano l’acqua ma nessuno interviene” | FOTO

di
27 Luglio 2019
Salita Belmonte n. 40
FOTO: Google Maps
FOTO: Google Maps
FOTO: Google Maps

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Le immagini e la denuncia di un lettore de ilSicilia.it che preferisce rimanere anonimo “per evitare ripercussioni”.

C’è una fontanella pubblica, oggetto della discordia, sita in Salita Belmonte (zona Villa Igiea). Anziché fornire acqua a tutti sembra essere appannaggio dei residenti degli stabili adiacenti, che la adoperano verosimilmente in forma privata.

Come si vede dalle foto, «il rubinetto della fontanella è stato opportunamente modificato: tramite un tubo di gomma gli abitanti delle case contigue si allacciano per uso personale». Nella foto si vede che va verso il civico n. 40. Ma perfino dalle immagini di Google Maps si vede che viene adoperata anche dai civici limitrofi.

Salita Belmonte, fontanella furto acqua
FOTO: Google Maps

«Ho segnalato telefonicamente questo abuso al comando dei vigili urbani di Palermo, ma  – spiega il nostro lettore – l’operatore che mi risponde al telefono mi dice che “non è compito loro verificare quanto segnalato e mi chiede i miei dati personali per trasmettere la denuncia all’AMAP”.

Ho provato poi col comando dei carabinieri: l’operatore del 112 al telefono mi dice che “loro si occupano di furti e rapine e di avvisare il comando dei vigili urbani”. Infine all’AMAP: gli operatori che mi rispondono al telefono mi dicono che “loro non possono accogliere la mia segnalazione e di fare la denuncia ai carabinieri! Insomma, chi deve intervenire per far sì che i cittadini onesti non continuino a pagare i consumi dei disonesti?»

Un presunto rimpallo di responsabilità e scaricabarile tra le parti che dovrebbero far rispettare la legge e tutelare con l’anonimato i cittadini onesti che denunciano.

E sempre contro l’Amap da mesi piovono numerose segnalazioni di Amministratori di Condominio che denunciano l’arrivo delle bollette fuori tempo massimo e con impossibilità di comunicare le letture effettive dei consumi.

La denuncia è stata raccolta da Federconsumatori che il mese scorso spiegava: «Sono davvero numerose le segnalazioni giunte allo sportello Federconsumatori Palermo da parte di utenti che, pur avendo comunicato correttamente, nei tempi e nei modi, la lettura del loro contatore, si sono ritrovati in bolletta consumi stimati. Dalle segnalazioni si evincerebbe che si tratta già di due cicli di fatturazione in cui è saltata la acquisizione delle autoletture».

Lillo Vizzini
Lillo Vizzini

«È un disguido che può rivelarsi oltremodo pesante per i grossi condomini – puntualizza Lillo Vizzini di Federconsumatori Palermo – in quanto la mancata acquisizione dei consumi reali può dar luogo in seguito fatture piuttosto onerose. Sollecitiamo Amap a concedere per il prossimo ciclo di fatturazione con letture reali di concedere facilmente, a chi ne facesse richiesta, la rateizzazione dell’importo della fattura. Federconsumatori invita gli utenti a continuare a segnalare, chiamando lo 0916173434 o scrivendo a federconsumatori_pa@libero.it, la mancata acquisizione delle autoletture dei consumi di acqua».

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.