E se fosse colpa del "mal bianco"? :ilSicilia.it

Vedremo piante estirpate del tutto fare spazio a nuovi giovani travasi?

E se fosse colpa del “mal bianco”?

di
18 Ottobre 2021

Carissimi

Eligere” è uguale a scegliere e scegliere è fare la differenza, poiché scegliere e non essere scelti è segno di autorevolezza, il poter scegliere è segno di libertà, saper scegliere è segno di qualità e grandezza.

Sto scrivendo molto sul futuro di questi tempi poiché dopo un tunnel come quello attraversato non può che esserci davanti a noi una luce, questa si chiama futuro.

Scegliere vuol dire spesso anche affidarsi, affidarsi è certamente fidarsi e consegnarsi, avviene così nell’amore, avviene così nell’amicizia, ma non solo, vi immaginate come sarebbe il mondo se fosse popolato soltanto dai nostri amori o affetti e dai nostri amici?

Purtroppo basta una cellula messa nel posto diverso ed ecco che davanti a noi si pone un altro individuo, una persona diversissima da noi, un altro per il quale devo mettere in piedi tutte le condizioni proprie …

Non so se anche voi curate come me siate dotati del così detto pollice verde, se così fosse sapete bene quanta cura necessitano le piante nell’attesa di rigogliose fioriture, eppure spesso dobbiamo fare i conti con i parassiti e con le malattie delle piante.

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

Altri rami sembrano vivi perché dotati di buone radici, ma dovremo aspettarne la potatura per prendere la consapevolezza che questi rami sono secchi e che la pianta è ormai morta e l’ostinarsi temporeggiando ad estirparla rischia di mettere a repentaglio le fioriture in salute e qualunque importante germoglio.

A volte anche l’utilizzo di generici o errati medicinali impediscono ai fiori di sbocciare e macchiando le foglie avide di sole per potersi nutrire, uccidono invece che guarire.

Si, siamo stati a bearci davanti alla vista della nuova pianta che rigogliosa di mature fioriture è stata inserita nel nostro balcone trascurando l’attenzione sulle piante già presenti che covavano nel frattempo la presenza del mal bianco che per troppo affetto e fiducia posta erratamente, avevamo evitato di estirpare, eppure era li e noi lo sapevamo, ma “barricandoci dietro ai sentimentalismi” avevamo deciso di tentare di salvare.

A che serve portare del nuovo se questo dovrà inserirsi in un contesto che sappiamo tutti essere velatamente malato? A che serve trovare un compromesso tra la novità immessa e le preesistenti fioriture evidentemente ammalate e così condizionate, ricettacolo di invisibili insetti che in questo storico contesto vivono e dal quale traggono la forza?

Il giardiniere di cui dovremo fidarci, non dovrà esser svelto per l’avere avuto un curriculum, anzi, forse li si è sbagliato, poiché più la sua esperienza è stata vissuta attraverso la frequentazione di tanti storici giardini, più siano venuti a galla i suoi gradi di libertà, i suoi sentimentalismi, la sua voglia di operare una potatura coraggiosa e radicale.

Vedremo piante estirpate del tutto fare spazio a nuovi giovani travasi, vedremo rami potati con decisione di poco superiori a nuovi germogli, troveremo un iniziale sconforto e saremo dubbiosi davanti a tanto deciso accanimento nella paura di avere perso tutto, ma “l’inverno sta arrivando” (cit.) e dopo l’inverno giungerà una nuova primavera e li tutte le piante sane, seppur oggi in letargo, spogliate di tutti i rami inutili e di tutti i parassiti, torneranno a fiorire rigogliosamente rendendoci orgogliosi del nostro balcone e regalandoci positività.

Ricordate, il “mal bianco” non lo porta il giardiniere (a meno che non si sia portato innesti già ammalati), ma lo sviluppo del “mal bianco” è colpa di un giardiniere distratto, poco presente o che si è fidato ……. sbagliando.

Il futuro è quindi in una responsabilità in “eligendo” e soprattutto in una costante cura ed attenzione della cosa più importante di tutti, perché è di tutti ………. Un abbraccio, Epruno.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin