È tornato il pentapartito, anzi peggio! | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Cerchiamo di comprendere quali sono le regole del gioco ed il conseguente possibile scenario

È tornato il pentapartito, anzi peggio!

di
27 Gennaio 2017

Infine abbiamo una nuova legge elettorale. Certo, è desolante constatare, che, una volta ancora è la Corte Costituzionale, e non la politica, a stabilire le regole con le quali i cittadini possono scegliere i propri rappresentanti in Parlamento.

Ma comunque sia, se i partiti decidono che va bene la legge elettorale figlia della sentenza della Consulta, si potrà andare a nuove elezioni, subito o a scadenza naturale di legislatura.

E se così sarà, alla prossima tornata elettorale voteremo con un meccanismo fortemente proporzionale. Cerchiamo di comprendere, allora, quali sono le regole del gioco ed il conseguente possibile scenario.

Per quanto riguarda la Camera dei Deputati (lasciamo stare, per adesso, il Senato che differisce per le soglie di sbarramento), la legge elettorale che esce dalla sentenza della Corte Costituzionale prevede un meccanismo proporzionale con sbarramento al 3%, premio di maggioranza per la lista (non la coalizione) che raggiunge la soglia del 40%, capilista bloccati e voto di preferenza (2 preferenze) per gli altri candidati.

Per farla semplice, immaginiamo che alle prossime elezioni il signor Rossi decida di votare per il partito X, ed esprima la sua preferenza per il candidato Y. Se il partito X supererà la soglia del 3% saranno eletti tot deputati, e con ogni probabilità il signor Rossi vedrà eletto nel proprio collegio il capolista indicato dal segretario nazionale e non il candidato Y che aveva votato.

Se, come molto probabile, nessun partito raggiungerà la soglia del 40% sarà necessario formare delle coalizioni tra vari partiti con programmi anche diversi, ed il partito X sarà costretto ad allearsi con formazioni politiche eterogenee rispetto alla propria cultura politica.

Insomma si ritorna alla prima Repubblica, al Pentapartito. Anzi peggio, perché allora le coalizioni erano in qualche modo prefigurate prima del voto.

Quindi, in sintesi, il sig. Rossi si ritroverà eletto un deputato imposto dall’alto, avrà votato un partito senza sapere con quali altri partiti andrà a governare, con quale programma e con quale premier.

Insomma la mortificazione della volontà popolare.

Una persona saggia un giorno mi disse: “per governare bene non bisogna inventare nulla, basta copiare chi fa bene le cose”.

E di sistemi elettorali che funzionano bene coniugando l’esigenza della governabilità col rispetto della rappresentanza, in Europa ce ne sono diversi (primo tra tutti il maggioritario a doppio turno alla francese): anziché elaborare leggi elettorali pasticciate bastava fare un semplice copia-incolla!

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.