È tornato il pentapartito, anzi peggio! | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Cerchiamo di comprendere quali sono le regole del gioco ed il conseguente possibile scenario

È tornato il pentapartito, anzi peggio!

di
27 Gennaio 2017

Infine abbiamo una nuova legge elettorale. Certo, è desolante constatare, che, una volta ancora è la Corte Costituzionale, e non la politica, a stabilire le regole con le quali i cittadini possono scegliere i propri rappresentanti in Parlamento.

Ma comunque sia, se i partiti decidono che va bene la legge elettorale figlia della sentenza della Consulta, si potrà andare a nuove elezioni, subito o a scadenza naturale di legislatura.

E se così sarà, alla prossima tornata elettorale voteremo con un meccanismo fortemente proporzionale. Cerchiamo di comprendere, allora, quali sono le regole del gioco ed il conseguente possibile scenario.

Per quanto riguarda la Camera dei Deputati (lasciamo stare, per adesso, il Senato che differisce per le soglie di sbarramento), la legge elettorale che esce dalla sentenza della Corte Costituzionale prevede un meccanismo proporzionale con sbarramento al 3%, premio di maggioranza per la lista (non la coalizione) che raggiunge la soglia del 40%, capilista bloccati e voto di preferenza (2 preferenze) per gli altri candidati.

Per farla semplice, immaginiamo che alle prossime elezioni il signor Rossi decida di votare per il partito X, ed esprima la sua preferenza per il candidato Y. Se il partito X supererà la soglia del 3% saranno eletti tot deputati, e con ogni probabilità il signor Rossi vedrà eletto nel proprio collegio il capolista indicato dal segretario nazionale e non il candidato Y che aveva votato.

Se, come molto probabile, nessun partito raggiungerà la soglia del 40% sarà necessario formare delle coalizioni tra vari partiti con programmi anche diversi, ed il partito X sarà costretto ad allearsi con formazioni politiche eterogenee rispetto alla propria cultura politica.

Insomma si ritorna alla prima Repubblica, al Pentapartito. Anzi peggio, perché allora le coalizioni erano in qualche modo prefigurate prima del voto.

Quindi, in sintesi, il sig. Rossi si ritroverà eletto un deputato imposto dall’alto, avrà votato un partito senza sapere con quali altri partiti andrà a governare, con quale programma e con quale premier.

Insomma la mortificazione della volontà popolare.

Una persona saggia un giorno mi disse: “per governare bene non bisogna inventare nulla, basta copiare chi fa bene le cose”.

E di sistemi elettorali che funzionano bene coniugando l’esigenza della governabilità col rispetto della rappresentanza, in Europa ce ne sono diversi (primo tra tutti il maggioritario a doppio turno alla francese): anziché elaborare leggi elettorali pasticciate bastava fare un semplice copia-incolla!

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti