"È vicino al clan Cappello di Catania", confiscati beni per 31 milioni al Ras dei supermercati | VIDEO :ilSicilia.it
Catania

Michele Guglielmino, ritenuto di 'qualificata pericolosità sociale'

“È vicino al clan Cappello di Catania”, confiscati beni per 31 milioni al Ras dei supermercati | VIDEO

di
19 Novembre 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Confiscate a Catania due società di capitali all’imprenditore Michele Guglielmino, di 51 anni, considerato “orbitante” nell’area di influenza del clan Cappello, per un valore complessivo di 31 milioni di euro.

Il provvedimento, emesso dall’ufficio Misure di prevenzione del tribunale etneo, è stato eseguito dalla polizia. Le società comprendono 12 supermercati della catena ‘G.M.’, un’impresa individuale con un distributore di carburante, sette immobili, cinque auto e numerosi conti correnti e rapporti finanziari intestati ai familiari di Guglielmino ma tutti riconducibili a lui.

I beni confiscati erano stati sequestrati nel gennaio del 2018. Con lo stesso provvedimento è stata disposta nei confronti dell’imprenditore la sorveglianza speciale con l’obbligo di soggiorno nel Comune di residenza per tre anni. Guglielmino, detto ‘Michele da Gesa‘, è ritenuto dagli inquirenti “soggetto con qualificata pericolosita’ sociale”.

A suo carico diverse condanne per traffico di droga, mentre la questura di Catania ricorda in una nota la sua “vicinanza” al clan mafioso dei Cappello.

L’imprenditore, arrestato in diverse operazioni di polizia tra il 2004 e il 2007, secondo gli investigatori, si è poi “distinto” nella capacità di inserirsi nel mercato della grande distribuzione alimentare “reimpiegando il provento delle attività illecite”. Evidenziata dalla polizia anche la “sproporzione” tra i redditi formalmente dichiarati e i beni e le società realizzate.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin