Ecco come Garibaldi liquidò i "picciotti" dopo la presa di Palermo :ilSicilia.it

Ecco come Garibaldi liquidò i “picciotti” dopo la presa di Palermo

di
8 Maggio 2020

Il 13 giugno 1860, conquistata Palermo, a Garibaldi si pone il problema della presenza, ingombrante, delle “squadre” popolari, i cosiddetti “picciotti”, la cui irrequietezza non consente un ritorno all’auspicata normalità cittadina.

Già nel ’48, e lo sarà ancor di più nel 1866, questi irregolari, molto spesso composti da malavitosi e, in qualche caso, da infiltrati dalla mafia, avevano creato e creeranno problemi di ordine pubblico non indifferente per provvedere ai quali verrà istituita una “guardia nazionale”, composta da volontari, per lo più borghesi, con l’incarico di far rispettare, con le buone o con le cattive, l’ordine pubblico.

Il generale Garibaldi, che si era assicurata la vittoria proprio grazie alla promessa del ripristino della sicurezza pubblica, si rendeva infatti conto che il permanere delle squadre in città avrebbe ben presto mutato il favore popolare in evidente disagio fino a creare un’opposizione che, in quel momento topico della sua “memorabile impresa”, non si poteva permettere. Liquidare le squadre diveniva così imperativo categorico al quale, nonostante non fosse uno sperimentato politico, non poteva dunque sfuggire.

Mentre, quindi fervevano i preparativi per il nuovo balzo in avanti che, di qui a qualche settimana avrebbe portato alla conquista dell’intera isola, si riunì in segreto con Francesco Crispi, il segretario di stato del governo provvisorio, e alcuni dei suoi più fidati collaboratori, e pose loro il problema del che cosa fare. Da quella riunione venne fuori l’ordinanza del 12 giugno con la quale il responsabile degli interni, il prof. Gaetano La Loggia, istituiva la Guardia nazionale e, il giorno dopo, un decreto a firma dello stesso Garibaldi, indirizzato “Alle squadre cittadine”, con il quale dava il benservito a quella poco affidabile marmaglia a cui, in qualche modo, doveva riconoscenza per il successo della conquista di Palermo.

Il decreto, quasi sicuramente di mano di Crispi, che è un capolavoro di bizantinismo politico, inizia con un retorico blandimento dei destinatari nel quale si riconosce loro il contributo decisivo dato all’impresa e la gratitudine della patria italiana per la liberazione della terra di Sicilia. Parole auliche come “voi che conservaste il sacro fuoco della libertà sulle vette dei vostri monti” inframmezzano, volutamente, il testo prima di arrivare alla stoccata finale. E la stoccata finale si condensa nella frase “Voi potete tornare oggi alle vostre capanne con la fronte alta, colla coscienza di avere adempiuto un’opera grande” etc. etc. E proprio su quel ritorno, che è poi un invito, si direbbe prosaicamente “a togliersi dai piedi”, c’è lo scivolone terminologico che nasconde una forte riserva ideologica.

Come appare chiaro, il decreto non parla di “ritorno alle proprie case” ma di “ritorno alle capanne”, termine scelto, e in questo Crispi, grande giurista era maestro, a seguito di puntuale riflessione che nasconde, ma non troppo, un evidente disprezzo nei confronti di quella marmaglia che -, non si finirà mai di affermarlo, era stata essenziale per la vittoria- e però appare necessario liquidare immediatamente per non creare ulteriori gravi problemi.

Naturalmente, Garibaldi comprende la gravità della decisione e, proprio per questo motivo, non tralascia di indorare la pillola con uno zuccherino. E lo zuccherino è che le loro “mani incallite”, quelle dei picciotti, stringendo la mano a Garibaldi non l’avevano stretta ad uno dei tanti dominatori che avevano calpestato quella terra, ma l’avevano stretta a colui che si proclamava platealmente e pubblicamente loro “fratello”.

 

RispondiInoltra

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin