Ecco "We Want You": l'iniziativa per l'imprenditoria giovanile :ilSicilia.it
Palermo

Il 4 maggio a Villa Igiea

Ecco “We Want You”: l’iniziativa per l’imprenditoria giovanile

di
26 Aprile 2018

“We want you” è l’iniziativa, presentata oggi alla Camera di Commercio, promossa dai presidenti dei Gruppi Giovani di Palermo di Confcommercio, Sicindustria e Ance – rispettivamente Giovanni Imburgia, Luca Silvestrini e Mario Puglisi – che punta ad approfondire i temi dell’imprenditoria giovanile e che si svolgerà venerdì 4 maggio a Palermo, a Villa Igiea, a partire dalle 16.

Villa Igiea Palermo
Villa Igiea

E’ la prima collaborazione tra i gruppi dei giovani imprenditori maggiormente rappresentativi in Sicilia – Confcommercio, Confindustria ed Ance – e si pone l’obiettivo di stimolare la creazione di attività innovative.  Presenti alla conferenza stampa anche la presidente di Confcommercio Palermo Patrizia Di Dio e i vice presidenti del gruppo Giovani di Confcommercio Palermo Stefania Baio e Dario Scalia, e Riccardo Galioto di Ance.

La giornata – sostenuta da Banca Popolare Sant’Angelo e Nuova Sport Car – punta ad approfondire le maggiori tematiche legate all’imprenditorialità giovanile. Tale processo risulta fondamentale per il tessuto economico siciliano e per quanti decidono di dedicarsi alle proprie idee a tempo pieno per cercare di trasformarle in progetti concreti. Durante lo svolgimento dei lavori ci saranno testimonianze di spicco di imprenditori che sono riusciti a far diventare le proprie idee delle vere e proprie imprese di successo di livello internazionale, ma ci sarà anche spazio per autorevoli interventi istituzionali che avranno lo scopo di indirizzare coloro che hanno deciso di essere imprenditori restando al Sud.

“Una collaborazione nata molto naturalmente – ha sottolineato Giovanni Imburgia perché da parte di tutti c’è l’esigenza di collaborare per progetti che ci riguardano, a maggior ragione se si tratta di imprenditoria giovanile. Il nostro territorio – ha aggiunto Imburgia – attraversa una fase di difficoltà nella ripresa economica e il lavoro è sempre più in discussione, rispetto al passato ci sono meno garanzie per tutti, sia per i lavoratori che per gli imprenditori. Puntare sull’imprenditorialità è fondamentale, per creare lavoro bisogna incoraggiare l’impresa e ai giovani dobbiamo spiegare i vantaggi perché se si deve rischiare che almeno si faccia per qualcosa di nostro. Oggi grazie alle associazioni di categoria che rappresentiamo – ha continuato Imburgia – abbiamo maggiori contatti, maggiori capacità, maggiori alternative per aumentare le possibilità di successo”.

Ci rivolgiamo agli studenti, ai giovani che vogliono capire cosa significa davvero essere e fare gli imprenditori – ha detto Mario Puglisi, presidente di Ance Palermo -. Come associazione puntiamo a fare rete nella consapevolezza che l’unione delle nostre associazioni è fondamentale. Alla politica diciamo che non siamo vasi da riempire ma fiamme da accendere”.

“E’ un momento storico questa iniziativa che nasce tra i giovani imprenditori di Palermo – ha sottolineato Daniele Giacalone, tesoriere dei Giovani di Sicindustria Palermo, che ha rappresentato il presidente Luca Silvestrini -. Vogliamo portare ai giovani un messaggio positivo. In Sicilia si può fare impresa e abbiamo una classe imprenditoriale viva e attiva e chi desidera fare impresa può farlo con il supporto delle nostre associazioni. Nella nuova programmazione bisognerà dare strumenti concreti alle imprese e riteniamo che bisogna premiare soprattutto le idee e la capacità di essere originali in chiave imprenditoriale”.

Stefania Baio, vice presidente del gruppo Giovani di Confcommercio Palermo, ha tenuto a sottolineare l’importanza dell’imprenditoria femminile che oggi è sempre più una realtà.

Il programma prevede tre momenti: si parte alle 16,30 con Giovanni De Lisi, Ceo di GreenRail, Ugo Parodi, Ceo di Mosaicoon e Giuseppe Giglio, Ceo di Giglio.com che offriranno le loro testimonianze di impresa di successo tutta palermitana che riesce a competere a livello europeo. A seguire gli interventi istituzionali con il sindaco Leoluca Orlando, l’assessore regionale all’Economia Gaetano Armao, il direttore commerciale della Banca Sant’Angelo Mario Lio, il presidente emerito del Senato Renato Schifani.

Il terzo slot di interventi prevede le conclusioni dei promotori di We want You,  i presidenti dei Gruppi Giovani di Palermo di Confcommercio, Confindustria e Ance, rispettivamente Giovanni Imburgia, Luca Silvestrini e Mario Puglisi.  Naturalmente si parlerà anche delle misure a sostegno delle imprese giovani, come per esempio “Resto al Sud”. Infine, di sera a Villa Igiea una grande festa ad inviti.

“Il nostro obiettivo non è avere una idea e quindi puntare al finanziamento – ha osservato Imburgia – i fondi non sono l’obiettivo, ma devono essere strumento per fare attività di impresa”.

Patrizia Di Dio, Confcommercio“Una iniziativa che merita un plauso – ha detto Patrizia Di Dioquesta è una chiamata alle armi, che ha un grandissimo valore motivazionale, è nostro compito creare cultura di impresa ed il fatto che ci sono giovani che si rivolgono ad altri giovani è fondamentale per lo sviluppo di idee e la condivisione di valori, perché è anche un modo per fare massa critica”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin